Carlo Verdone, l'attore ha sofferto di ansia e attacchi di panico

Carlo Verdone attore ansia

Carlo Verdone attore ansia

Sapevate che Carlo Verdone, l’attore e regista romano autore di tanti film di successo, ha sofferto di ansia e attacchi di panico? Lo ha rivelato lui stesso partecipando come ospite d’onore al congresso della SOPSI, Società italiana di psicopatologia, in corso in questi giorni a Roma. Verdone è intervenuto in qualità di ‘antidepressivo naturale, privo di effetti collaterali’, come si è definito in modo ironico, e soprattutto nelle vesti di ex paziente, avendo avuto in passato a che fare con disturbi di tipo ansioso, per fortuna superati col tempo.

Le dichiarazioni Carlo Verdone al congresso della SOPSI sono state raccolte dal sito del quotidiano Repubblica. L’attore ha esordito spiegando che il suo lavoro potrebbe avere qualche piccolo parallelismo con quello che svolgono psicoanalisti e psichiatri, perché studiano entrambi l’animo umano: ‘Voi lo rimettete a posto’, ha detto Verdone, ‘Io invece lo rappresento attraverso tic e difetti che fanno ridere la gente, non soffermandomi ovviamente su patologie gravi’.

[npleggi id=”191993″ testo=”Carlo Verdone riceve la laurea honoris causa, ‘Vorrei che mio padre fosse qui’”]

Carlo Verdone è passato poi a illustrare la sua esperienza di ‘ansioso’ cronico, descrivendo una sorta di paradosso: ‘In passato ho sofferto di crisi d’ansia e avevo persino paura di prendere l’aereo. Oggi non più e questo per me è quasi un problema: l’ansia era infatti una specie di adrenalina in più, se incanalata bene è un turbo nella vita. Si soffriva da una parte, ma era qualcosa di importante se immagazzinata in modo giusto’.

Non solo ansia, però, per Carlo Verdone: l’attore ha raccontato pure di veri e propri attacchi panico, legati anche al fatto di aver raggiunto il successo e la conseguente popolarità in modo improvviso e inaspettato.

[npleggi id=”55295″ testo=”La vedova di Monicelli contro Carlo Verdone, ‘Non rappresenta il cinema di Mario’”]

E come ha superato tutto questo? ‘Il punto di svolta è stato il film ‘Maledetto il giorno che t’ho incontrato’ (del 1992, uno dei grandi trionfi cinematografici di Carlo Verdone premiato da 5 David di Donatello, ndr) perché racconta molto di me, è molto autobiografico. La miglior ricetta per chi soffre di ansia, incertezze e fragilità è proprio quella di parlarne: ricordatevi che farlo non rappresenta affatto una debolezza, tutt’altro’.

In questo periodo Carlo Verdone è al cinema col suo ultimo film ‘Benedetta Follia’ interpretato insieme a Ilenia Pastorelli e Lucrezia Lante Della Rovere.

[npleggi id=”195783″ testo=”Carlo Verdone torna al cinema per raccontare la ‘Benedetta follia’ delle donne”]

Parole di Raffaele Dambra

Da non perdere