Camera dei Deputati: a che servono le palline per gatti?

Accade in Camera dei Deputati: l'esponente del PD Rosy Bindi distribuisce ai colleghi delle palline per gatti da incastrare nei meccanismi di voto durante la modalità a raffica.

Rosy Bindi e le palline per gatti 150x150

Ennesima “furbata” all’italiana alla Camera dei Deputati: Rosy Bindi ha portato in Aula delle palline per far giocare i gatti, con lo scopo di bloccare il tasto di voto. Non è la prima volta che si vedono di queste invenzioni in Camera per soddisfare la pigrizia dei deputati durante le giornate di votazione a raffica, infatti finora pare si sia usata una rudimentale pallina di carta da incastrare in corrispondenza del meccanismo. La Bindi ha distribuito alle vicine Anna Margherita Miotto e Silvia Fregolent le colorate palline giocattolo, mostrando loro come applicarle.

L’occasione per la votazione a raffica di oggi sono stati gli ordini del giorno alla legge elettorale e dalle immagini pervenute dalla Camera, sembra che il “trucchetto” dell’esponente del PD sia stato efficace quanto fonte di soddisfazione per lei e le colleghe. Un pò come quando a scuola il discolo di turno riusciva a “gabbare” l’insegnante a suo vantaggio, solo che in questo caso la questione è decisamente più seria!

Parole di Cecilia Casadei

Da non perdere