Cambridge, 5 suicidi di studenti universitari in 4 mesi: aperta un’inchiesta

Ben 5 studenti sono morti per suicidio, o presunto tale, a Cambridge negli ultimi 4 mesi. I vertici dello storico ateneo aprono un’inchiesta: “Siamo scioccati e rattristati”.

Cambridge
Cambridge – Nanopress.it

I vertici del College hanno aperto un’inchiesta per far luce sui 5 decessi in 4 mesi avvenuti a Cambridge. Si indaga sulle morti per suicidio o presunto tale avvenute da marzo a giugno del 2022. Il professore Graham Virgo alle famiglie delle vittime: “Affranto da queste tragiche morti”.

Cambridge, aperta un’inchiesta dopo la morte di 5 studenti in 4 mesi

Ombre su Cambridge. Dopo il quinto suicidio, o presunto tale, nel giro di 4 mesi di uno studente universitario, si infittisce il mistero intorno alla storica università.

Da marzo a giugno infatti, in diversi college si sono verificati diversi episodi controversi, che hanno riguardato la morte di 5 studenti.

Il The Guardian nelle ultime ore è riuscito a intercettare uno dei professori, Graham Virgo, secondo il quale le indagini fino ad ora non avrebbero portato a nessun collegamento tra i 5 decessi.

Le revisioni sono ancora in corso per quanto riguarda l’ultimo caso, mentre per motivi di riservatezza l’Università ha deciso di non divulgare il nome dei ragazzi.

I media britannici però, nelle ultime settimane, sono risaliti a due delle vittime. Una di loro è la studentessa Yasmin Lajoie morta a maggio all’età di 34 anni, al primo anno di Scienze umane, sociali e politiche della Hughes Hall.

Il nome del secondo ragazzo morto invece a marzo, a soli 20 anni, è Daniel Fry. Il giovane era studente del secondo anno presso Homerton College.

Cambridge, solo un caso riconosciuto come suicidio

Mentre i vertici del college continuano a indagare, informando dell’apertura di un’inchiesta, pare che dalle ultime indagini sia emerso fino a questo momento che solo uno dei cinque casi è stato archiviato come suicidio, da un medico legale. Per quanto riguarda i 4 rimanenti casi sono stati trattati come sospetti suicidi.

Ancora il professor Graham Virgo è intervenuto dichiarando tutta la sua tristezza e rammarico, dicendosi scioccato e affranto dalla “tragica morte” dei cinque stupendi dell’ateneo degli ultimi mesi.

Le sue parole si sono rivolte anche ai parenti delle vittime e agli amici, rassicurando che l’università farà il massimo per provare a prendere la faccenda sul serio e per prevenire soprattutto altri futuri episodi di questo tipo.

Polizia inglese
Polizia inglese – Nanopress.it

Insieme alle autorità e agli addetti al Sistema sanitario nazionale, il college sta lavorando per provare a prevenire altre morti, e per cercare una soluzione vista la chiara – secondo i vertici – crisi di salute mentale all’interno dei vari campus.

La BBC ha infine chiarito che dal 2021, più di duemila studenti hanno avuto accesso al servizio di salute mentale istituito dall’università.

Il budget destinato a tali sostegni psicologici di Cambridge ammonta a più 4,5 milioni di sterline annui, e si prepara a stanziarne altri 5 per i prossimi cinque anni.