Bolsonaro sotto elezioni destina 7,5 miliardi di dollari per la spesa sociale

Gli alleati del governo di Bolsonaro riescono a modificare la Costituzione per moltiplicare gli aiuti, vietati per evitare la compravendita di voti.

Bolsonaro - Lula
Jair Bolsonaro e Luiz Inacio Lula – Nanopress.it

Il governo di Jair Bolsonaro moltiplicherà la spesa sociale a meno di cento giorni dalle elezioni. Lo farà dopo che i suoi alleati al Congresso Nazionale sono riusciti a modificare la Costituzione per poter creare in questo momento nuove prestazioni sociali, cosa che fino ad ora era vietata dalla legge proprio per evitare la compravendita di voti.

Bolsonaro in calo, a 3 mesi dalle elezioni tenta la carta dell’aiuto ai bsognosi

I parlamentari hanno decretato lo “stato di emergenza” per aggirare le leggi fiscali ed elettorali e aprire il rubinetto in Brasile. Il governo potrà così spendere 41,2 miliardi di reais (più di 7,5 miliardi di dollari). Gli aiuti ricevuti dai più poveri aumenteranno del 50% e raggiungeranno i 600 reais al mese (109 dollari). Inoltre, il numero dei beneficiari è aumentato, raggiungendo oltre 20 milioni di famiglie.

Sono inoltre previsti aiuti specifici per l’acquisto di bombole di gas e per compensare gli autotrasportatori dell’aumento dei prezzi dei carburanti. In quest’ultimo caso, i sussidi saranno di 1.000 reais al mese (182 dollari) e andranno a beneficio di oltre 870.000 conducenti. L’aiuto sarà valido solo fino a dicembre, due mesi dopo la fine delle elezioni. Il testo è andato avanti a larga maggioranza (469 deputati hanno votato a favore e solo 17 contrari).

L’opposizione nel suo insieme ha votato a favore, sapendo che potrebbero contribuire ad aumentare la popolarità di Bolsonaro. Collocati tra la roccia e l’incudine, i parlamentari di sinistra sostengono che votare contro sarebbe stato votare contro i più vulnerabili, in un momento in cui più di 33 milioni di persone stanno soffrendo la fame in Brasile. Con il nuovo aiuto, la popolarità di Bolsonaro dovrebbe salire alle stelle. Mettere soldi nelle tasche delle persone ha un effetto quasi immediato.

Era già successo all’inizio della pandemia. Bolsonaro era al suo peggio, ha lanciato il programma di aiuti “Auxilio Brasil” (forzato dal Congresso, poiché era riluttante) e il numero dei suoi detrattori è diminuito notevolmente nei mesi successivi.Ora Bolsonaro si trova in una situazione più delicata e urgente.

L’ex presidente Lula da Silva ha un netto vantaggio in tutti i sondaggi

L’ex presidente Lula da Silva ha un netto vantaggio in tutti i sondaggi, con alcuni che mostrano che il leader della sinistra potrebbe vincere anche al primo turno. Tuttavia, è molto probabile che la distanza si accorci nei prossimi mesi, poiché gli aiuti iniziano a farsi sentire. La campagna del Partito dei Lavoratori (PT) lo sa e sta già lavorando per contrastare quell’impatto, rafforzando l’idea che Lula sia il vero “padre dei poveri” e che Bolsonaro sia un opportunista.

Lula Da Silva
Lula Da Silva – NanoPress.it

“L’aiuto di Bolsonaro dura solo fino a dicembre, quando le elezioni sono finite, ti lascia a bocca aperta”, dice uno dei primi video diffusi dal partito sui social in reazione al pacchetto di aiuti. Oltre all’effetto elettorale, questi nuovi programmi di assistenza lasceranno un significativo buco fiscale che il governo che uscirà dalle elezioni di ottobre dovrà gestire.

Il ministro dell’Economia Paulo Guedes, che mesi fa ha definito la proposta “kamikaze” per lo squilibrio che genererebbe nei conti pubblici, ha affermato questa settimana che “non ci sarà alcun impatto fiscale nel 2022″. Questa è la quinta volta che il governo Bolsonaro infrange il cosiddetto “tetto di spesa”, la principale regola fiscale del Paese, che limita la crescita della spesa all’inflazione dell’anno precedente.