Bollettino Covid 19 aprile: 8.864 nuovi casi e 316 decessi

I test effettuati nell’ultima giornata (tra antigenici e molecolari) sono stati 146.728. Il tasso di positività sale al 6%

vaccino covid

Foto Getty Images | Kay Nietfeld - Pool

Secondo il bollettino del Ministero della Salute relativo alla giornata di oggi, lunedì 19 aprile 2021, nelle ultime 24 ore i nuovi casi di Covid-19 sono 8.864 (ieri erano stati 12.694).

Il tasso di positività è del 6%, in aumento rispetto al 5,5% registrato ieri. La Regione in cui si registrano più casi su base giornaliera è la Campania, seguita subito dopo da Sicilia e Lombardia. Per quel che riguarda i decessi invece, i morti registrati nella giornata di oggi sono 316.

In calo di 67 unità le terapie intensive, mentre invece sono in aumento di 94 unità i ricoveri negli altri reparti Covid.

In totale i casi dall’inizio della situazione di emergenza sanitaria sono 3.878.994, i morti invece 117.243. Gli attualmente positivi sono 493.489 (-11.122 rispetto a ieri), mentre i guariti e dimessi dall’inizio della pandemia sono 3.268.262.

In riferimento alla campagna vaccinale invece, le dosi di vaccino somministrate in Italia sono in totale 15.352.790 e 4.507.326 persone hanno ricevuto sia la prima che la seconda dose di vaccino.

Bollettino Covid, ricoveri e terapie intensive

Sono 3.244 i pazienti ricoverati in terapia intensiva, in calo di 67 unità rispetto alla giornata di ieri nel saldo giornaliero tra entrate e uscite, mentre, secondo i dati comunicati dal ministero della Salute, gli ingressi giornalieri, sono stati 141 (ieri invece 163).

Nei reparti ordinari sono invece ricoverate 23.742 persone, in aumento di 94 rispetto a quanto registrato ieri.

Domani incontro Governo-Regioni su riaperture

Domani intorno alle 17 si terrà un nuovo incontro del Governo con le Regioni sul tema delle riaperture. Tra gli argomenti all’ordine del giorno troviamo il rientro dei ragazzi a scuola e il trasporto pubblico locale.

In particolare, fra le ipotesi sul tavolo, quella di orari scaglionati per entrare negli istituti, mantenendo il 50% di presenza sui mezzi rispetto alla capienza.

Da non perdere