Bimba nata da embrione congelato, record negli USA: è il più vecchio mai usato

bambina

bambina

Possono mamma e figlia avere un solo anno di differenza? L’incredibile vicenda di Emma Wren Gibson e della sua mamma Tina lo dimostra, visto che la piccola è nata lo scorso 25 novembre da un embrione congelato 25 anni fa, un anno dopo la nascita della madre. A raccontare la loro storia è stata la Cnn. Benjamin, 33 anni, e la moglie Tina non potevano sapere che stavano per stabilire un nuovo record del mondo come l’embrione più vecchio usato per un concepimento: il primato spettava a un embrione di 20 anni. Alla coppia, che desiderava un figlio ma che non poteva averlo in modo naturale, l’unica cosa che interessa è la loro bambina, Emma. “È il nostro regalo di Natale e la nostra benedizione”, hanno dichiarato.

La loro storia è simile a quella di tante altre coppie che, non potendo avere figli, ricorre alla fecondazione artificiale adottando un embrione congelato. Dopo essersi sposati, Benjamin e Tina, dal Tennessee, hanno iniziato il loro personale calvario per avere figli: Benjamin è sterile perché malato di fibrosi cistica e i due sapevano di dover affrontare diverse prove, a partire dall’adozione più classica.

Il primo a suggerir loro di adottare un embrione è stato il padre di Tina. La giovane all’inizio non ne era particolarmente entusiasta, ma alla fine si è convinta e col marito si è rivolta al National Embryo Donation Center che ha base a Knoxville, proprio in Tennessee.

Lì hanno iniziato le procedure per l’adozione, senza sapere che avrebbero incrociato la storia di Emma: l’embrione infatti arriva da una coppia anonima che 25 anni fa lo ha lasciato come dono per le coppie sterili. I coniugi Gibson hanno scelto tra oltre 300 profili quello che aveva le caratteristiche genetiche più simili a loro: non sapendo per cosa optare, si sono basati sulla loro costituzione e sulla storia medica dei donatori.

Ora che Emma è nata, sana e in forza, il cerchio si è chiuso. “Quando ci hanno detto del record siamo rimasti sorpresi, certo”, ha spiegato Tina alla Cnn. “Io ed Emma avremmo potuto essere chissà migliori amiche. Del primato però non ci è mai interessato nulla. Siamo solo così grati: la nostra piccola è un prezioso regalo di Natale”.

Parole di Lorena Cacace

Da non perdere