Biden, parla González: “Non vogliamo fermare l’immigrazione”

Il consigliere di Biden, Juan González sottolinea, nel quadro del Vertice delle Americhe, che i flussi migratori devono essere visti come una sfida condivisa di tutti i Paesi del continente, perché l’immigrazione fa da sfondo a quasi ogni iniziativa.

Juan González
Juan González – NanoPress.it

La cooperazione economica, le questioni di democrazia, salute e persino il cambiamento climatico, hanno in gran parte a che fare con la promozione dello sviluppo, per fermare la crisi migratoria senza precedenti nella regione.

Biden cerca dialogo e confronto con i vicini del Continente

Il vertice ha avuto un momento clou con la dichiarazione di Los Angeles sull’immigrazione, preparata con cura dal governo degli Stati Uniti. “Non vogliamo fermare l’immigrazione”, afferma Juan González, consigliere senior del presidente Joe Biden per l’America Latina, in un’intervista telefonica con un quotidiano spagnolo in cui avanza le linee principali di tale dichiarazione.

“Quello che verrà firmato questo venerdì con i leader dell’America Latina e dei Caraibi è qualcosa di senza precedenti: vedere la questione migratoria come una sfida condivisa, dove dobbiamo rispondere alle questioni fondamentali che portano le persone ad emigrare: l’economia, l’insicurezza , mancanza di accesso all’istruzione.

È qui che dobbiamo concentrarci, sulla creazione di opportunità per le persone che desiderano rimanere a casa”, afferma González, direttore per l’emisfero occidentale del Consiglio di sicurezza nazionale degli Stati Uniti, designato da Biden.

La dichiarazione è nata un po’ appesantita dall’assenza dei presidenti dei Paesi dove il problema migratorio è più evidente: il Triangolo Nord del Centro America (Honduras, El Salvador e Guatemala) e soprattutto quello di Andrés Manuel López Obrador, presidente del Messico. Il ministro degli Esteri messicano Marcelo Ebrard ha mostrato un certo scetticismo sulla dichiarazione.

Tuttavia, sottolinea González, “la sfida migratoria non è solo quella del confine con Stati Uniti e Messico, e non è solo responsabilità di Stati Uniti e Messico. Abbiamo visto paesi come la Colombia che hanno quasi due milioni di venezuelani come rifugiati, ma tutta l’America meridionale e centrale e parti dei Caraibi sono state colpite dal problema della migrazione”.

La dichiarazione, spiega l’alto funzionario Usa, “è un accordo tra i Paesi di origine, transito e destinazione migratoria”. Il primo elemento è la cooperazione economica per lo sviluppo, in cui organizzazioni come la Banca interamericana di sviluppo dovrebbero svolgere un ruolo più importante. L’idea è che possano mobilitare più risorse e rafforzare il finanziamento diretto al settore privato.

L’America Latina affronta una crisi molto seria

Poi c’è il controllo dell’immigrazione irregolare: “Promuovere le nostre leggi per garantire che per le persone che migrano irregolarmente e non hanno una richiesta di asilo credibile, ci sia un modo organizzato e dignitoso per rimpatriarle nei loro paesi di origine”, afferma González.

Joe Biden
Il Presidente Joe Biden – Nanopress.it

 

La terza cosa”, prosegue, “è ampliare la capacità di sostenere la comunità dei profughi, creare spazi di asilo più forti e creare percorsi regolari per l’immigrazione, perché in fondo non si vuole fermare l’immigrazione. Quello che vogliamo fare è sottrarre affari ai trafficanti di esseri umani e creare canali in modo che qualcuno non debba camminare dalla Colombia o dal Venezuela agli Stati Uniti. È una risposta globale alla questione dell’immigrazione.

Risolverà il problema domani? No, è qualcosa di complesso e l’America Latina sta attraversando una crisi come non accadeva da 100 anni”. Washington confida che i paesi di origine e di transito vedano l’immigrazione come una responsabilità condivisa.

È un passo avanti e più elaborato rispetto al semplice e controverso: “Don’t come”, con cui il vicepresidente Kamala Harris ha presentato in anteprima una visita in Centro America e che è stato utilizzato da altri paesi della regione per criticare la politica di immigrazione degli Stati Uniti.

Riguardo all’assenza di leader al vertice, González preferisce sottolineare che ci sono “23 leader e anche più di 68 governi, organizzazioni internazionali e altri ospiti”. E alla domanda sulla perdita di influenza della potenza nella regione, più consapevole della guerra in Ucraina e della sua politica asiatica, González ritiene che piuttosto, nella storia degli Stati Uniti, quando ci sono stati conflitti e instabilità in altre parti del mondo, che ha portato a un riallineamento della politica nei confronti della regione”.

“Continuiamo ad essere la più grande potenza per galvanizzare, formalizzare o organizzare una risposta emisferica a sfide condivise: sul tema della pandemia, dell’insicurezza alimentare o del cambiamento climatico, solo gli Stati Uniti sono stati in grado di mobilitare un’agenda coordinata per affrontare questo tipo di sfide in tutto il mondo”, aggiunge.

Gli Stati Uniti stanno negoziando un accordo con la Spagna per accogliere i rifugiati centroamericani. Evita di confermare se ci sarà l’annuncio di un imminente accordo (“lo lascio al governo spagnolo”), ma fa notare: “Abbiamo un gruppo di lavoro che è andato a Madrid e abbiamo avuto una stretta collaborazione sul questione migratoria con la Spagna e in altri temi dall’America Latina e dai Caraibi.

Come ospite del prossimo incontro della NATO [alla fine del mese a Madrid], è qualcosa di cui discuteranno il presidente e il suo omologo spagnolo, ma Stati Uniti e Spagna hanno un dialogo fluido su molte questioni nell’emisfero”.