Biden: 1 miliardo di dollari all’Ucraina in supporto alla guerra

Gli Stati Uniti sono impegnati a mantenere il sostegno a Kiev, e al resto dei membri della NATO, per rafforzare i loro aiuti anche militari, e per questo oggi Bden ha fatto un annuncio importante.

Biden
Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden – Nanopress.it

Nessuno sa quanto durerà la guerra in Ucraina, ma gli alleati occidentali dell’Ucraina sembrano disposti a inviarle armi, addestramento e aiuti umanitari per continuare il suo sforzo bellico finché può essere sostenuto.

Biden vuol far vincere o almeno far ‘pareggiare’ la guerra all’Ucraina

“Lo terremo così per tutto il tempo necessario“, ha affermato il segretario alla Difesa degli Stati Uniti, Lloyd Austin, alla domanda sull’impegno nei confronti dell’Ucraina al termine dell’incontro tenutosi a Bruxelles con i ministri della Difesa della Nato.

Poco prima, il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, aveva annunciato un carico di materiale bellico nel Paese invaso del valore di 1 miliardo di dollari (960 milioni di euro), il più grande fino ad oggi. Dall’incontro di questo mercoledì pomeriggio Austin è uscito con due chiari messaggi: il primo è che i paesi della NATO, più quelli che vi hanno aderito, hanno inviato molte armi all’Ucraina affinché possa difendersi dall’invasione russa; il secondo, che sono disposti a continuare a farlo e persino ad aumentare questo aiuto con materiale sempre più sofisticato.

Austin ha ripreso l’annuncio fatto da Biden e ha aggiunto ciò che ha sentito durante l’incontro, come l’impegno della Germania a inviare tre sistemi di lancio multiplo di razzi e munizioni guidate. L’americano ha anche citato l’annuncio della Slovacchia di inviare elicotteri o nuove spedizioni di artiglieria dalla Polonia, dai Paesi Bassi e dal Canada. Queste spedizioni si aggiungeranno a quelle che sono state effettuate finora, di cui sia Austin che il generale Mark A. Miller, presidente del Joint Chiefs of Staff degli Stati Uniti, hanno fornito alcuni dettagli.

Quest’ultimo, ad esempio, ha evidenziato che la comunità internazionale ha consegnato all’Ucraina quasi 97.000 sistemi anticarro, “più di quanti ce ne siano nel mondo”. “Abbiamo inviato 237 carri armati”, ha aggiunto. Ha anche sottolineato che il suo paese ha inviato 6.500 razzi Javelin, 1.500 Stinger, altri 20.000 sistemi anti-corazza.

E ad esso bisogna aggiungere il numero di soldati ucraini addestrati all’uso di armi come i droni. Nonostante tutta questa enumerazione, Austin, che è stato anche un militare ed è stato uno dei predecessori di Miller, è stato solidale con la costante richiesta dell’Ucraina di più equipaggiamento militare: “Il generale Miller ed io abbiamo partecipato a vari combattimenti.

Sempre più armi all’Ucraina

E quando combatti, non ti stanchi mai. Vuoi sempre di più. Pensi sempre di aver bisogno di più. E ci sono stato. E quindi capisco da dove vengono gli ucraini. E lotteremo duramente per dare loro tutto ciò di cui hanno bisogno. E ancora, vogliamo assicurarci di concentrarci su ciò di cui pensano di aver bisogno per questa lotta attuale e oltre”.

Jens Stoltenberg
Jens Stoltenberg – NanoPress.it

“La comunità internazionale ha svolto un buon lavoro nel fornire queste capacità, ma non è mai abbastanza. Quindi continueremo a lavorare sodo per spostare quanta più capacità possibile, il più velocemente possibile, e per garantire che l’Ucraina abbia successo sul campo di battaglia”.

Questo incontro si è svolto sfruttando il fatto che questo mercoledì e giovedì i ministri della Difesa della NATO si incontreranno per l’ultima volta prima del vertice di Madrid, in cui verrà deciso il nuovo concetto strategico dell’Alleanza per i prossimi anni e in cui, probabilmente , le domande di ammissione dalla Svezia e dalla Finlandia avranno un ruolo importante.

Finora, entrambe le richieste si scontrano con la resistenza della Turchia, che chiede alla Svezia cambiamenti nella sua politica antiterrorismo. Per superare questa resistenza, il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg è in continuo contatto con tutti i paesi dell’organizzazione, in particolare con la Turchia.

Questo mercoledì, infatti, ha avuto un colloquio telefonico con il presidente turco, Recep Tayyip Erdoğan, come lui stesso ha annunciato su Twitter. Per quanto riguarda se la situazione sarà stata superata prima di arrivare a Madrid il 28 giugno, Stoltenberg ha dichiarato prima dell’inizio della riunione che sta cercando di risolverla “il prima possibile, in modo che Svezia e Finlandia siano membri dell’Alleanza“. “Non posso dire quando”, ha chiarito.