Beppe Fiorello a teatro: Modugno bloccato dagli eredi del cantante

Stop al Domenico Modugno teatrale di Beppe Fiorello: l’attore e la famiglia del cantante sono ai ferri corti dopo il rifiuto di Fiorello di interpretare il sequel della fiction Volare

Beppe Fiorello in Volare 150x150

[fotogallery id=”1411″]

Niente Modugno a teatro per Beppe Fiorello: l’attore e la famiglia del grande Domenico sono ai ferri corti per “Penso che un sogno così“, con tanto di battaglia legale per non far mettere in scena la piece teatrale di Fiorello ispirata al grande cantante. Una situazione impensabile fino a qualche mese fa, ma che sarebbe dovuta al rifiuto dell’attore di interpretare nuovamente Modugno in tv dopo il gran successo di Volare.

Secondo quanto ricostruito da Diva & Donna, tra Beppe Fiorello e la famiglia di Domenico Modugno sarebbe in corso una disputa legale partita proprio dalla famiglia del cantante, per ‘ripicca’ nei confronti dell’attore che ha rifiutato di girare il seguito della fiction “Volare”, nonostante la famiglia avesse preso già accordi con la produzione.

Il rifiuto sarebbe motivato dallo spettacolo teatrale “Penso che un sogno così”, sempre ispirato (sin dal titolo) a Domenico Modugno, ma in cui gli eredi (così sostengono) non sono stati chiamati in causa, richiedendo ad un giudice il blocco immediato.

Ricorso accolto: il giudice, in via cautelare, ha inibito ogni futura messa in scena dello spettacolo e ogni forma di utilizzazione economica di quest’ultimo: “È stato fissato un principio importante – spiegano gli avvocati – l’utilizzazione dell’immagine, del nome, del marchio e dei segni distintivi di un personaggio pubblico, se fatta per fini commerciali, deve essere autorizzata dal titolare dei diritti o, in mancanza, da parte degli eredi“.

Parole di Fulvia Leopardi

Fulvia Leopardi è stata collaboratrice di Nanopress dal 2014 al 2018, occupandosi principalmente di temi relativi all'ambito dello spettacolo, della televisione, della cultura.

Da non perdere