Ayelet Shaked, la giovane e bella nuova Ministra di Israele‏

[fotogallery id=”6253″]

Ieri il neo ministro della Giustizia israeliana Ayelet Shaked ha festeggiato il suo 39esimo compleanno e l’ingresso nella coalizione di destra “Focolare Ebraico”, incarico ottenuto grazie alle pressioni del capo del partito Naftali Bennett, che l’ha voluta per cercare di attrarre i giovani elettori, diffidenti verso i coloni ebrei che vivono sulle colline della Cisgiordania. L’aspetto fisico però non è stato l’unico motivo della scelta: Ayelet è convinta che i palestinesi debbano avere uno Stato, si batte per l’annessione dei territori con autonomia limitata per gli arabi e ha idee oltranziste quanto quelle del movimento di cui fa parte.

Ayelet Shaked anche una donna molto intelligente e di cultura: laureata in informatica, prima del suo debutto nella politica ha organizzato il gruppo digitale “My Israel” in risposta all’organizzazione che spinge in Europa e Usa per boicottare lo Stato ebraico. Sul sito, nel 2011, ha pubblicato le crude immagini della famiglia Fogel, massacrata dai palestinesi mentre erano nella loro casa nella colonia di Itamar.

La sinistra israeliana è preoccupata che il ministro rafforzi la sua battaglia contro le associazioni israeliane per i diritti umani e lasci passare la legge che ne limita i finanziamenti dall’estero.

Sposata con un pilota di caccia e mamma di due bambini, Ayelet Shaked è anche contraddizione: ha vinto le primarie di un partito religioso ma è laica, è leader dei coloni ma abita in un sobborgo di classe nella zona universitaria di Tel Aviv. Insomma, solo il tempo ci dirà a cosa potrà portare questa nuova scelta di Naftali Bennett, oltre che ad attirare elettori.