Attentati in Belgio e Francia: la Turchia protesta per la vignetta con le bandiere strette nell'abbraccio

Vignetta bandiera francia belgio turchia

Vignetta bandiera francia belgio turchia

La Turchia protesta per la vignetta realizzata da Plantu che raffigura la bandiera francese e quella belga che si stringono in un abbraccio, a ricordare gli attentati terroristici che hanno colpito i due Paesi, il 13 novembre in Francia e il 22 marzo in Belgio. A criticare l’illustrazione è stato il giornalista turco Yasmin Ahmed, che si è posto la domanda ”Dov’era la vignetta dedicata ai nostri morti, uccisi per mano dei terroristi? Perché la nostra bandiera non è stata esposta a Downing Street?”, in riferimento agli attentati ad Ankara e Istanbul del 13 e 19 marzo.

Questa in basso è la vignetta originale, che poi è stata modificata con l’aggiunta della bandiera turca, e postata sui social.

Già nei giorni scorsi era diventato virale lo sfogo di un britannico residente in Turchia che si chiedeva ‘perché non je suis Ankara?’ dopo l’attentato kamikaze in cui morirono 37 persone il 13 marzo scorso, e ora di nuovo sui social vengono postati tanti messaggi che sottolineano la mancanza di solidarietà con il popolo turco: ”E Ankara? – commenta un utente postando le immagini del tricolore belga sui monumenti europei – Loro non meritano il nostro supporto?”. E ancora: ”Siete stati Parigi, non siete stati Ankara e Istanbul e ora siete Bruxelles”, scrive un altro.

Parole di Kati Irrente

Giornalista per vocazione, scrivo per il web dal 2008. Mi occupo di cronaca italiana ed estera, politica e costume. Naturopata appassionata del vivere green e della buona cucina, divido il tempo libero tra musica, cinema e fumetti d'autore.

Da non perdere