Attentati Bruxelles: come verificare il Safety Check di Facebook

attentati Bruxelles safety check facebook

attentati Bruxelles safety check facebook

Una serie di attentati terroristici ha sconvolto la città di Bruxelles, in Belgio. Alcune esplosioni sono avvenute all’interno dell’aeroporto e della metropolitana, provocando numerosi feriti e anche alcune vittime, almeno stando alle notizie che sono giunte fino a questo momento. La situazione è piuttosto critica, si temono nuovi attacchi da parte dei terroristi islamici e l’attenzione è massima. Nonostante questo, però, e nonostante la grande richiesta sui social (su Twitter in particolare), Facebook ha impiegato diverso tempo prima di attivare la funzione di Safety Check per consentire a chi si trova a Bruxelles in questo momento di comunicare che sta bene e a coloro che hanno amici e persone care in quella città di sapere se è tutto ok.

Il tasto Safety Check di Facebook era stato prontamente attivato durante gli attacchi terroristici subiti da Parigi nel novembre del 2015 e nel corso di quelli avvenuti solo qualche giorno fa in Turchia. Il medesimo tasto non è stato però attivato per gli attentati in Costa d’Avorio (scelta che ha fatto scatenare polemiche contro Facebook) e a quanto pare la stessa cosa sarebbe potuta avvenire per Bruxelles. Facebook ha impiegato diverso tempo prima di abilitare la funzione, attirandosi le ire e le proteste di chi, soprattutto su Twitter, chiedeva di attivare immediatamente il tasto Safety Check per gestire l’emergenza. In seguito alle molte richieste e proteste Facebook ha finalmente reso disponibile la funzione (raggiungibile anche a questo indirizzo).

SAFETY CHECK DI FACEBOOK: COME FUNZIONA

Il tasto Safety Check di Facebook compare automaticamente agli utenti che si trovano in una zona di emergenza (che si tratti di un terremoto, di un attacco terroristico o di altro) e agli utenti che hanno amici in quella medesima zona. Chi si trova direttamente nel luogo in cui è avvenuto il fatto può prontamente comunicare di stare bene mentre chi ha interesse a sapere se le persone care sono sane e salve riceve aggiornamenti in tempo reale su di loro.

Parole di Barbara Vellucci

Barbara Vellucci è stata collaboratrice di Nanopress dal 2015 al 2017, occupandosi principalmente di tecnologia, sicurezza informatica, novità tech, social network.

Da non perdere