Atene: incendiata l’auto del primo consigliere dell’ambasciata italiana Susanna Schlein

L’auto del primo consigliere dell’ambasciata italiana ad Atene, Susanna Schlein, sorella della deputata e forse candidata alla segretaria del Partito democratico, Elly Schlein, è stata fatta esplodere, forse per un attentato. Un atto, probabilmente, ad opera di ignoti.

Pompiere che spegne il fuoco
Pompiere che spegne il fuoco – Nanopress.it

Il ministro degli Esteri italiano, Antonio Tajani, che vedrà oggi il suo omologo greco Mitsotakis per capire cosa è successo e vedrà anche l’ambasciata italiana, ha detto Schlein è viva per miracolo.

Atene: incendiata auto in ambasciata italiana

È arrivata, anche, la condanna ferma e diretta da parte della Farnesina per l’attentato esplosivo avvenuto nella notte e che ha avuto come “sfortunata protagonista” l’auto del primo consigliere della nostra ambasciata in Grecia, Susanna Schlein, la sorella della deputata Elly Schlein, e della sua famiglia.

Proprio questa notte, la sua macchina è stata data alle fiamme e fatta esplodere, forse da qualcuno in segno di protesta o, visto che nessuna ipotesi viene al momento esclusa, per un attentato. Il mezzo è andato completamente distrutto: inizialmente incendiato, poi è esploso.

È stata la stessa consigliera ad accorgersi di ciò che stava succedendo poiché è stata svegliata, nel cuore della notte, da una serie di esplosioni. Visto ciò che stava accadendo, Schlein si è accorta anche del tentativo di alcuni ignoti che stavano appiccando il fuoco ad una sua seconda automobile. Proprio nelle vicinanze di questa seconda macchina, infatti, le Forze dell’Ordine intervenute poi, hanno trovato una bottiglia molotov ancora con la miccia semi consumata.

Ogni tipo di rilievo, sia esso investigativo che scientifico, è in corso ed è effettuato da parte della Polizia Scientifica greca. Il nostro ministro degli Esteri, Antonio Tajani, che vedrà il suo omologo greco, Mitsotakis e, successivamente all’incontro, si recherà in visita proprio all’ambasciata italiana per capire cosa è successo e seguire da vicino la dinamica delle indagini.

Lo stesso Tajani, appresa la notizia dell’attacco dinamitardo, ha subito contattato Schlein per esprimerle tutta la sua solidarietà e vicinanza e ha poi ha spiegato che è viva per miracolo: “Per fortuna non è esplosa una molotov piazzata sotto l’auto vicina a impianto del gas, sotto la camera da letto della famiglia Schlein“. La Farnesina ha condannato con la massima fermezza “il grave atto criminoso”, portato avanti ai danni della consigliera e della sua famiglia, si legge in una nota diffusa dalla stessa Farnesina.

Auto incendiata
Auto incendiata – Nanopress.it

L’attacco all’auto di Susanna Schlein

I rilievi che sono portati avanti dalla Polizia Scientifica greca hanno portato alla luce, come dicevamo, nei pressi di una seconda automobile, che appartiene sempre alla famiglia di Susanna Schlein, una bottiglia dinamitarda con una miccia semi consumata.

Stando alle primissime indagini, la stessa bottiglia era stata lì posizionata per far sì che, allo stesso modo di come era successo per la prima auto, anche la seconda fosse prima incendiata e, poi, fatta esplodere.

Susanna Schlein, dicevamo, è la sorella di quella che dovrebbe candidarsi alla segreteria del Partito Democratico, Elly Schlein ed è, soprattutto, il primo consigliere della nostra ambasciata ad Atene. Un attentato, al momento, ad opera di ignoti che la Farnesina e il mondo politico italiano condannano fermamente.

La visita del ministro degli Esteri, Tajani, ad Atene e alla nostra ambasciata, servirà anche per capire da vicino cosa sia successo, per esprime tutta la solidarietà politica e non solo alla stessa consigliera ed alla sua famiglia ed anche per seguire da vicino l’evolversi della vicenda.

Ad esprime la propria vicinanza al primo consigliere dell’ambasciata italiana Susanna Schlein, vittima di un attentato incendiario stanotte, è anche la Premier, Giorgia Meloni, la quale ha espresso tutta “la sua profonda preoccupazione” per l’attentato.

Probabilmente, stando alle primissime indagini, potrebbe trattarsi di un attentato di matrice anarchica.