Argentina, si aggrava la crisi: agricoltori contro il governo Fernández

In Argentina i produttori agricoli chiedono una minore pressione fiscale con uno sciopero di tutto l’indotto di 24 ore. La’ campagna’ quindi è di nuovo in guerra.

Agricoltori argentini in sciopero
Agricoltori argentini in sciopero – NanoPress.it

I produttori hanno protestato ieri sulle autostrade e hanno paralizzato la commercializzazione di cereali, semi oleosi e bovini per 24 ore. Hanno chiesto al governo del peronista Alberto Fernández una riduzione delle tasse, oltre all’accesso alla valuta estera per acquistare fertilizzanti, pneumatici o pezzi di ricambio per macchinari.

I produttori hanno paralizzato la commercializzazione di cereali, semi oleosi e bovini per 24 ore

Dicono che il laccio emostatico che l’Esecutivo ha imposto due settimane fa all’accesso ai dollari per le importazioni li sta soffocando. E aggiungono alla lista le tasse che pagano per l’esportazione. Per l’Esecutivo, invece, la protesta è stata «uno sciopero politico dei padroni che non ha senso».

Il governo sa di trovarsi di fronte a un settore profondamente antiperonista. Il ricordo del blocco del 2008 è ancora fresco, quando i produttori di tutto il Paese sono riusciti a convincere la presidente Cristina Kirchner a revocare un aumento dei dazi all’esportazione. La “crisi dei 125″, come è stata chiamata per il numero della legge fallita, ha creato una mistica di protesta che si è cristallizzata nel Liaison Table, dove sono raggruppate le quattro camere principali del settore agricolo.

Quello stesso Liaison Table è quello che ora si confronta di nuovo con la Casa Rosada.“Questo è un grido di disperazione. La campagna non dà di più”, ha affermato Jorge Chemes, presidente delle Confederazioni rurali argentine (CRA), durante il raduno centrale della protesta, organizzato nella provincia di Entre Ríos, cuore del bacino di soia del Paese. “Non solo per la pressione fiscale, ma anche per la pressione che si sente per la mancanza di politiche. C’è incertezza e sfiducia”, ha detto.

La campagna argentina si è sempre sentita vittima dell’avidità di uno Stato che accusa di essere inefficiente e corrotto. E il rapporto con il peronismo è stato storicamente conflittuale. Alla base c’è il modello di sostituzione delle importazioni che dagli anni Cinquanta del secolo scorso suppone di finanziare l’industrializzazione con le eccedenze prodotte dalla terra. Il campo è anche la principale fonte di valuta estera per l’Argentina.

Sei dollari su dieci che entrano nel Paese sudamericano per le esportazioni sono a carico delle campagne

Sei dollari su dieci che entrano nel Paese sudamericano per le esportazioni sono a carico delle campagne. La cifra ha raggiunto 48.388 milioni l’anno scorso. Solo la soia rappresentava il 30% di quel totale nel 2021, seguita dal mais, con il 12%. Per trattenere parte di tale reddito, lo Stato applica una ritenuta all’esportazione del 33% sui semi di soia. Uno studio della Fondazione agricola per lo sviluppo dell’Argentina (FADA), ha stabilito lo scorso marzo che quando si aggiungono tutte le tasse, il 64% del reddito dei produttori va al tesoro.

Alberto Fernández
Alberto Fernández – NnoPress.it

Il governo sta attraversando una grave crisi fiscale per mancanza di dollari, ma non ha deciso un nuovo aumento delle tasse. La protesta di questo mercoledì era, in ogni caso, preventiva. Il fattore scatenante è stata la carenza di gasolio per il trasporto di merci e macchine agricole. L’Argentina è un importatore netto di questo carburante. L’impennata dei prezzi internazionali, a seguito della guerra in Ucraina, e l’inizio del pesante raccolto hanno prodotto un collo di bottiglia nell’offerta.

23 delle 24 province argentine hanno esaurito il diesel due settimane fa, ma a causa di una politica di importazione aggressiva, la situazione ha progressivamente teso a normalizzarsi. Il gasolio è arrivato alle stazioni, ma l’invito allo sciopero è stato mantenuto.

Il problema di fondo è molto più complesso di un carico di carburante, avvertono i produttori. “La campagna è vista come una fonte di risorse fiscali, come qualcosa che viene utilizzato solo per raccogliere denaro”, si è lamentato Chemis. Ricostruire la fiducia sarà molto difficile.

La portavoce del governo, Gabriela Cerruti, ha affermato che lo sciopero è una questione politica, senza fondamento economico. Il capo dei ministri, Juan Manzur, ha assicurato che “lo sciopero non porta a nulla”. Ci sono anni di reciproci rancori accumulati dietro.