Argentina: l’inflazione accelera a giugno e raggiunge il 64% all’anno

In Argentina l’IPC sale del 5,3% il mese scorso e taglia la curva al ribasso iniziata ad aprile. L’inflazione argentina è salita del 5,3% lo scorso giugno, secondo i dati presentati giovedì dall’Indec, l’ufficio statistico ufficiale.

Alberto Fernández
Alberto Fernández – NanoPress.it

L’indice accumulato da gennaio ha raggiunto il 36,2%, il più alto dal 1991, e il 64% anno su anno. I dati di giugno sono stati una cattiva notizia per il governo di Alberto Fernández, che si aspettava un rallentamento del rialzo dell’IPC dopo il 6,7% di marzo, il 6% di aprile e il 5,1% di maggio.

L’indice accumulato da gennaio ha raggiunto il 36,2%, il più alto dal 1991, e il 64% anno su anno

La curva è cambiata nel momento peggiore, perché le previsioni per luglio sono le peggiori: dopo le dimissioni di Martín Guzmán dal ministero dell’Economia, due settimane fa, i prezzi nei supermercati e il dollaro che si vende sul mercato sono volati alle stelle.

La categoria Salute è quella che è cresciuta di più nell’ultimo mese (7,4%), per effetto degli aumenti dei medicinali e delle quote dei servizi sanitari privati. Seguono “acqua, elettricità e altri combustibili”, con il 6,8%, e “bevande alcoliche e tabacco”, con un aumento del 6,7%.

L’aumento del “cibo e bevande analcoliche”, il paniere che ha il maggior impatto sui più poveri, è stato del 4,6%, al di sotto della media generale. Tuttavia, quando si misura l’IPC accumulato per il cibo da gennaio, la percentuale salta al 39,9%, 3,7 punti sopra la media.

I dati di giugno confermano solo che l’escalation inflazionistica iniziata in Argentina a marzo, quando il picco internazionale dei prezzi dell’energia e dei generi alimentari seguito alla guerra in Ucraina ha avuto un impatto sull’intera regione.

Da allora, il paese sudamericano ha incatenato quattro mesi di inflazione mensile superiore al 5%. Gli analisti di mercato consultati mensilmente dalla Banca Centrale prevedevano, prima delle dimissioni del ministro Guzmán, un’inflazione del 79,2% per il 2022.

A gennaio la stima ufficiale per l’intero anno era del 33%.Su questa percentuale è stato concordato un programma con il Fondo Monetario Internazionale per rifinanziare il pagamento dei 44 miliardi che l’Argentina ha ricevuto nel 2018. Tra gli obiettivi ci sono il raggiungimento dell’equilibrio fiscale nel 2024, una rigorosa politica di accumulazione delle riserve e una riduzione dell’inflazione.

In Argentina torna lo spettro della bancarotta

La nuova ministra dell’Economia, Silvina Batakis, ha presentato questa settimana un programma fiscale in linea con l’accordo con il Fondo, anche contro il parere del kirchnerismo, il settore della coalizione di governo che ha lottato di più per la partenza di Guzmán e i suoi piani di aggiustamento .

martín guzmán
Martín Guzmán – NanoPress.it

“Non spenderemo più di quanto abbiamo”, ha detto lunedì Batakis, in un chiaro messaggio ai mercati. Il piano prevede il congelamento dell’ingresso del personale nello Stato, la spesa in base alle disponibilità liquide e il mantenimento del piano di riduzione dei sussidi energetici ideato da Guzmán. Senza spazio per aumentare il carico fiscale, il ministro ha promesso un aumento dell’accertamento fiscale delle case per accogliere l’imposta sulla proprietà personale al valore di mercato.

Questo giovedì, il portavoce del FMI, Gerry Rice, ha celebrato da Washington il piano di aggiustamento ideato a Buenos Aires. “Accogliamo con favore gli sforzi per controllare la spesa, migliorare la raccolta e il coordinamento del debito pubblico, quindi rimaniamo impegnati con il ministro e il suo team per attuare il programma di sostegno economico”, ha affermato Rice. L’onda di fondo dell’aggiustamento è l’inflazione o, ciò che equivale alla stessa cosa, il crollo del valore del pesos.

Gli sforzi degli investitori per sbarazzarsi della valuta locale hanno fatto crollare i titoli di debito argentini, mentre il dollaro sale sul mercato locale. Il prezzo sul mercato nero argentino, senza l’intervento dello Stato, è balzato da 239 pesos il venerdì prima delle dimissioni di Guzmán, il 2 luglio, a 289 pesos per unità questo giovedì.Il divario con il dollaro ufficiale, fissato dalla Banca Centrale a 130 pesos, supera il 100%, causando ogni tipo di distorsione macroeconomica.

Ritarda la liquidazione delle esportazioni, che vengono ufficializzate, mentre crescono le importazioni per le aspettative di una svalutazione, mettendo sotto pressione le riserve internazionali. Il governo applica quindi tutti i tipi di restrizioni per controllare l’emorragia di valuta estera. L’ultimo è stato mercoledì, quando ha aumentato dal 35% al ​​45% l’anticipo Irpef che si applica alle spese in dollari con carte di credito. Nei primi cinque mesi dell’anno sono usciti dal Paese 2.625 milioni di dollari per acquisti personali all’estero.