Andrea Bocelli contro l’aborto: “Sono a favore della vita”, il cantante si sbilancia

Il tema dell’aborto in questo periodo è un argomento caldo, soprattutto dopo la decisione drastica della Corte Suprema. Anche Andrea Bocelli si è espresso in merito, ecco la sua opinione.

Andrea Bocelli
Andrea Bocelli – Nanopress.it

Andrea Bocelli è una delle voci italiane più famose nel mondo: il tenore nella sua lunga carriera ha calcato i palchi più importanti del mondo, affermando il suo talento.

In questi giorni ha concesso una nuova intervista al Corriere della Sera, dove ha espresso apertamente la sua opinione sull’aborto, un argomento che in queste settimane è sulla bocca di tutti, a causa di una sentenza importante emanata dalla Corte Suprema negli USA.

Andrea Bocelli parla dell’aborto: la sua opinione è molto chiara

La questione dell’aborto è sempre molto delicata, soprattutto in questo periodo dopo la decisione della Corte Suprema negli USA ha appoggiato il divieto negli Stati del Paese.

Andrea Bocelli
Andrea Bocelli – Nanopress.it

Di questo tema ne ha parlato anche Andrea Bocelli, il famoso tenore italiano stimato in tutto il mondo. Il cantante ha parlato con Il Corriere della Sera, parlando di tanti argomenti, tra cui proprio questo.

Nelle sue parole si comprende una propensione per il divieto all’aborto: infatti, rispondendo a una domanda diretta dell’intervistatore, Bocelli ha detto di essere chiaramente favorevole alla vita, raccontando anche un’esperienza molto intima.

Il tenore ha, infatti, raccontato che a sua madre venne consigliato di abortire quando aspettava lui, perché i medici tra i vari esami avevano visto che qualcosa non andava.

La mamma, però, decise di tenere il bambino: “A mia madre quando era incinta di me fu consigliato di abortire. I medici videro dei problemi durante la gravidanza e fu così consigliata. Il resto delle considerazioni, le lascio al lettore”.

Fedele praticante, Andrea Bocelli ha espresso caldamente la sua opinione, affermando che secondo lui né la Chiesa né la Corte Suprema avrebbero mai potuto approvare l’aborto, dichiarando di essere favorevole sempre alla vita.

La situazione attuale negli USA

Alla fine di giugno, negli USA c’è stata una decisione che ha ribaltato i 50 anni precedenti: la Corte Suprema ha abolito il diritto d’aborto, permettendo ad ogni Stato di decidere autonomamente sul da farsi.

In queste settimane, in ogni Stato, si sono mosse migliaia di persone, dando il via a battaglie legali in più stati, con il risultato che il panorama statunitense rispetto all’aborto diventa sempre più complesso.

Già molti Stati stanno vietando la procedura, come l’Alabama, l’Arkansas, il Missouri, il Kentucky e la Louisiana. Un movimento che non piace alla maggior parte dei cittadini, che si ribellano e cercano in tutti i modi di sensibilizzare sull’errore di questa decisione drastica.

Attualmente è legale per gli americani viaggiare da uno stato all’altro per accedere all’aborto, ma il presidente degli Stati Uniti Joe Biden prevede che alcune giurisdizioni cercheranno di arrestare coloro che attraversano i confini di stato.