Al Zawahiri lascia in eredità una rete jihadista dal Sahel al Medio Oriente

Al Zawahiri ha decentrato la rete che ha creato insieme a Bin Laden e l’ha mantenuta interconnessa di fronte all’emergenza ISIS.

Ayman al Zawahiri
Ayman al Zawahiri – NanoPress.it

Efraim Halevy, capo del Mosad (spionaggio estero israeliano) durante l’11 settembre, si è svegliato martedì con la soddisfazione di vedere passare il corpo del suo acerrimo nemico Ayman al-Zawahiri, ucciso in un colpo di stato della CIA a Kabul.

Al Zawahiri era malato e si nascondeva da anni

“E’ stata l’ultima battuta d’arresto contro la strategia di Osama Bin Laden”, ha detto al quotidiano Haaretz dopo la conferma da parte della Casa Bianca della morte del leader succeduto al fondatore di Al Qaeda alla guida della rete terroristica che ha segnato sangue e fuoco l’inizio del 21° secolo.

Al Zawahiri, malato e nascosto senza meta negli ultimi anni, lascia dietro di sé una rete di organizzazioni jihadiste che si estende dall’Africa occidentale e dal Sahel al Medio Oriente e all’Asia centrale. La rete unitaria che Bin Laden e Al Zawahiri hanno stabilito nel 1988 è stata decentralizzata dopo l’11 settembre. Liquidato il primo dei fondatori in un’operazione statunitense in Pakistan nel 2011, il secondo ha insistito fino alla sua morte affinché i gruppi regionali dotati di autonomia rimangano interconnessi.

Anche nel non commettere errori nel trattamento delle comunità locali nelle loro aree di influenza.L’emergere dello Stato Islamico (ISIS, per il suo acronimo in inglese) nel 2013 dopo aver spodestato il Fronte Al Nusra, affiliato locale di Al Qaeda, nella guerra in Siria, ha minacciato di togliere ad Al Qaeda la posizione di dominio globale sul jihadismo , raggiunto attraverso il terrore di massa di 11-M a Madrid (2004) e 7-J a Londra (2005), e privandolo dell’influenza sulle correnti più radicali dell’Islam.

La rete di Bin Laden aveva già mostrato la sua determinazione ad attaccare l’Occidente negli attentati del 1998 alle ambasciate statunitensi in Tanzania e Kenya. La presenza di Al Qaeda è ancora evidente in Africa. Il Sahel è il principale centro operativo delle sue organizzazioni collegate, come il cosiddetto Support Group for Islam and Muslims (JNIM, per il suo acronimo in arabo) nella steppa semidesertica che collega Mali, Burkina Faso e Niger.

È anche schierato in Nigeria attraverso i suoi legami con Boko Haram, un gruppo che ha effettuato rapimenti di massa di minori. Ed è stato radicato per più di due decenni in Somalia attraverso le potenti milizie di Al Shabab. Ma è in Medio Oriente che Al Qaeda ha ancora una delle più grandi rappresentanze territoriali.

La provincia di Idlib (Siria nord-occidentale), ultimo baluardo della ribellione contro il regime di Damasco, è controllata per la maggior parte dalle forze jihadiste di Hayat Tahrir al Sham, eredi del Fronte Al Nusra, sotto la tutela della Turchia. Dal califfato istituito tra il 2014 e il 2019 a cavallo dei confini di Siria e Iraq, è nata la sfida più grande contro Al Qaeda. Lo Stato Islamico ha cercato di assumere la guida del jihadismo globale quando gli affiliati di Al Qaeda in diversi paesi hanno seguito le orme del ramo siro-iracheno per rendere omaggio all’Isis.

La provincia di Idlib (Siria nord-occidentale) è controllata per la maggior parte dalle forze jihadiste

I combattenti del Califfato sono stati schiacciati in Siria tre anni fa sotto i bombardamenti aerei statunitensi e l’avanzata sul terreno delle forze curde alleate di Washington. Le sue celle dormienti si sono svegliate lo scorso gennaio in un’offensiva inaspettata per cercare di liberare centinaia di prigionieri.

Un soldato Talebano
Un soldato Talebano – NanoPress.it

Ma i curdi e gli americani si sono bloccati di nuovo. Quando i talebani presero il potere a Kabul quasi un anno fa, costringendo allo scioglimento degli Stati Uniti e dei loro alleati, l’ONU aveva appena confermato la presenza di unità di Al Qaeda in 15 delle 34 province dell’Afghanistan. Al confine con il Pakistan continuano a trovare appoggio sotto la protezione della rete della famiglia Haqqani, ramo radicale dei talebani.

L’ex direttore del Mossad Halevy, che ha collaborato per più di tre decenni con i servizi di intelligence degli Stati Uniti, ora ricorda che sia Bin Laden che Al Zawahiri hanno intrapreso attività jihadiste in Afghanistan 40 anni fa con il patrocinio di Washington, che ha cercato di porre fine alla occupazione dell’ex URSS nel paese dell’Asia centrale.

“Hanno ricevuto il sostegno degli Stati Uniti e poi hanno morso la mano che li aveva portati alla vittoria”, ha detto ad Haaretz.cambio di comando Dopo la morte all’età di 71 anni dell’ultimo leader di Al Qaeda, il prevedibile successore è Seif al Adi, anche lui egiziano, 60 anni, ex militare che controllava i campi di addestramento jihadisti ed era il capo interno dell’organizzazione dopo l’operazione in quello in cui bin Laden ha perso la vita.

Washington offre una ricompensa di 10 milioni di dollari per la sua cattura. La sua vicinanza al regime sciita di Teheran potrebbe renderlo incapace di prendere il timone della rete dei gruppi radicali sunniti. Anche suo genero, il marocchino Abderramán al Maghreb, 52 anni e capo dell’apparato di propaganda dell’organizzazione, è citato dagli esperti di Al Qaeda come possibile successore di Al Zawahiri.

Ha intessuto una fitta rete di contatti in Afghanistan e Pakistan. Come l’algerino Yezid Mebarek, meglio conosciuto come Abu Ubaydah Yusuf al Anabi, 53 anni. È stato nominato emiro di Al Qaeda nel Maghreb islamico (AQIM) dopo la morte di Abdelmalek Drukdel in un attacco delle forze francesi nel 2020.