Al Zawahiri, la sua morte porta un messaggio: gli USA non dimenticano

L’assassinio del leader di Al Qaeda, Al Zawahiri, a Kabul dimostra che la “guerra al terrorismo” di Washington continua a vivere. Il vecchio patriarca è uscito sulla terrazza al fresco del primo mattino, ed li è stato colpito a morte.

Ayman al Zawahiri
Ayman al Zawahiri – NanoPress.it

Lì fu avvistato dall’uccello di ferro e lì pose fine alla sua lunga vita di combattente nella guerra santa dell’Islam contro gli infedeli. Nessun altro è morto per la sua numerosa famiglia, con la quale aveva vissuto per alcuni mesi a Kabul, la capitale dei talebani guarita dagli infedeli lo scorso agosto.

Al Zawahiri era ricercato da 11 anni dal Pentagono e dalla Cia

È stato scritto. Non nel libro del destino, ma negli archivi del Pentagono e della CIA. La memoria di una superpotenza non può essere breve. Sono passati ventuno anni dalla distruzione delle Torri Gemelle e dall’attacco al Pentagono, ma l’impresa che Al Zawahiri ha ispirato e pianificato non è dimenticata. Questa è giustizia in una guerra ancora in corso, in cui gli Stati Uniti non si arrenderanno.

Lo ha detto il presidente Biden, questa volta senza esitazione, come accadde nel 2011, quando Obama gli chiese un parere prima di ordinare la morte di Bin Laden. La tecnologia lo ha aiutato. La CIA conosceva le abitudini del capo di Al Qaeda e la solitudine mattutina sulla terrazza. Due missili anticarro Hellfire, del peso di 45 chili, 1,6 metri di lunghezza e del prezzo di 76.000 dollari ciascuno, lo hanno portato all’houris del profeta, un’operazione più pulita dell’atterraggio notturno delle forze speciali della Marina nella villa di Bin Laden.

Non è detto che Al Qaeda venga decapitata. Nemmeno un’idra senza testa. Non era già nel 2011, quando Al Zawahiri succedette a Bin Laden. Ora è un marchio internazionale con attività in Medio Oriente, Asia e Africa. Non importa chi succederà al leader caduto per le attività dei numerosi rami che si fanno una vita propria con l’affare jihadista della morte.

I talebani, contrariamente all’impegno preso a Doha con gli Stati Uniti, hanno accolto il leader di Al Qaeda

Al di là del regolamento dei conti, è difficile trovare il senso di questa esecuzione sommaria nella sua efficacia per prevenire attentati o indebolire l’Internazionale del Terrore. Gli Stati Uniti e la NATO hanno lasciato l’Afghanistan appena un anno fa nel più grande disordine e imbarazzo.

Joe Biden
Joe Biden – Nanopress.it

I talebani, contrariamente all’impegno preso a Doha con gli Stati Uniti, hanno successivamente accolto il leader di Al Qaeda e la sua numerosa famiglia e li hanno insediati in uno dei migliori quartieri della capitale, tornando così allo status che aveva Kabul fino a quando 2001 come capitale e rifugio dei jihadisti.

Qualcuno, i talebani o Al Zawahiri, si fidava e pensava che le sfide di Russia e Cina bastassero a Washington, si era davvero ritirata dal Medio Oriente e aveva dimenticato la sua guerra al terrore e il suo status di superpotenza attenta all’intero pianeta. . Non è così. Questa volta l’angelo della morte caduto sulla terrazza di Kabul portava tra le sue ali nere un messaggio antico e dimenticato.