Un testimone oculare parla della strage di Bruxelles

Joey è un testimone oculare che ha decritto cosa è avvenuto nei drammatici momenti che si sono susseguiti poco dopo le esplosioni all’interno dell’aeroporto di Bruxelles. Aveva appena finito di fare il controllo bagagli, e si è recato in bagno. Quando è uscito però, si è girato e intorno a lui non c’era più nessuno. Poi ha visto che della gente si è messa a correre, e pensava fossero delle perone in ritardo che stavano per perdere l’aereo, quindi è riuscito a capire qualcosa solo dopo che qualcuno si è messo ad urlare dicendo di correre via da quel posto, che c’erano persone armate e con delle bombe. ”Ero impaurito e scioccato” ha proseguito il giovane ”e sono corso via da tutto”, mentre i commessi dei negozi serravano le saracinesche per scappare a loro volta.

Da non perdere