Test della valigia a Bruxelles di Ciprini, M5S

Ecco parte del testo che si legge nella descrizione del video postato da Tiziana Cipriani su Facebook: ”Elevato livello di sicurezza a Bruxelles? Bruxelles città militarizzata? Il giorno dopo gli attacchi con le valigie bomba, il nostro bagaglio lasciato incustodito, in una via centrale della città, non suscita alcuna attenzione. Per terra ci sono ovunque sacchi della spazzatura ammassati, che potrebbero potenzialmente nascondere ordigni disseminati per le vie. Zero militari. Come se non fosse successo niente. Bruxelles cuore indifferente dell’Europa senz’anima. All’aereporto di Bologna, invece, l’annuncio avverte che: “e’ assolutamente vietato lasciare i propri bagagli incustoditi”. Presenti forze dell’ordine e cani anti esplosivo. Poi la deputata del M5S prosegue con alcune considerazioni: **SULLA SICUREZZA A BRUXELLES : c’è una realtà’ raccontata dai media che parlava di città militarizzata ad alto livello di sicurezza, evocando chissà quali scenari nell’immaginario collettivo e una realtà reale, vissuta in prima persona, con pochi militari e zero controlli. Già in precedenza avevo sottolineato, con stupore, come nelle ore immediatamente successive alle esplosioni, ci fossero soltanto pochissimi poliziotti in giro, nella zona della fermata Schuman, con varchi della metro aperti e nessun controllo. A un’ora dai primi attentati in aeroporto era possibile muoversi liberamente ovunque e puntualmente sono arrivate le altre esplosioni nella metro. Il tutto in quello che doveva essere il cuore militarizzato dell’Europa. Altro che città blindata e massima sicurezza.

Da non perdere