Salvini: “Quota 100 è una scelta, non obblighiamo nessuno”

Pubblicato da Redazione NanoPress Martedì 13 novembre 2018

Salvini dice la sua su Quota 100 in risposta alle dichiarazioni di Giuseppe Pisauro, presidente dell’Ufficio Parlamentare di Bilancio. Per Pisauro con Quota 100 potrebbero verificarsi pesanti tagli sugli assegni pensionistici, addirittura del 30%. Il 12 novembre a margine dell’incontro a Roma per la presentazione del calendario della Polizia, Salvini ha risposto alle domande dei giornalisti per dire la sua su Quota 100 e per rivendicare la scelta del governo: “Intendo smantellare la Fornero e Quota 100 è solo l’inizio, è il segnale che abbiamo dato in questi primi 5 mesi di governo. Il mio obiettivo finale rimane comunque l’applicazione di Quota 41. A chi mi parla di penalizzazioni rispondo che non ce ne saranno. E’ giusto applicare il sistema contributivo perché è giusto che si riscuotano i contributi che si sono versati. E inoltre parliamo di persone che con altri sistemi pensionistici non sarebbero andate in pensione. Quota 100 non è un obbligo, è una possibilità di scelta che offriamo a circa 400mila italiani. E’ irrealistico pensare che tutti quelli che hanno diritto a Quota 100 andranno in pensione nello stesso momento, tuttavia occorre pensare a degli scaglioni”.