Riforma costituzionale: dal bicameralismo perfetto al bicameralismo differenziato

Continua la serie video di Nanopress.it in collaborazione con il professore Edmondo Mostacci, docente di Diritto Costituzionale. Al centro di questa puntata c’è il superamento del bicameralismo perfetto, previsto dalla riforma costituzionale: si tratta della prima voce che gli elettori si troveranno sulla scheda del referendum del 4 dicembre. Il professore ci spiega in cosa consiste il bicameralismo perfetto, cioè la nostra attuale forma di governo, e come cambia in base alla legge già approvata e al vaglio del consenso referendario. Il primo punto preso in considerazione è la fiducia che il Parlamento dà all’esecutivo: con la riforma si cambia anche sotto questo punto di vista con un rapporto 1:1 (un governo, una Camera) e non più 1:2 (un governo, due Camere).

Da non perdere