Referendum a rischio Hacker: denunciati due italiani

Referendum a rischio Hacker: due italiani sono stati denunciati dalla polizia postale con l’accusa di essere pirati informatici interessati a ostacolare o comunque interferire in maniera informatica nello svolgimento della consultazione referendaria. L’obiettivo dei due hacker italiani era il lancio di una campagna denominata #OPS_ItalyBeDemocratic come forma di protesta verso il governo. Uno dei due pirati informatici è un 43enne di Brescia mentre l’altro è un 41enne della provincia di Bari. Secondo gli investigatori della polizia i due hacker avevano annunciato un’operazione dimostrativa internazionale e avevano lanciato un appello ad altri hacker per aderire alla protesta contro il referendum del 4 dicembre.

Da non perdere