Rapina a Ponticelli con 'sindrome di Stoccolma'

Rapina a Ponticelli con ‘sindrome di Stoccolma‘. Nella periferia di Napoli un rapinatore è entrato in un negozio di un gioielliere insieme alla suocera e, mentre lei provava a svaligiare la cassaforte, lui faceva vedere i suoi documenti alla vittima, spiegando di essere costretto a fare quello che stava facendo per la crisi, ossia ”per campare” non sapendo come sbarcare il lunario. Alla fine il rapinatore riesce a conquistarsi la simpatia della vittima (o almeno così sembra), tanto che quest’ultimo stringe alla fine la mano al ladro, che ricordiamo, era comunque armato. Dopo qualche ora l’uomo è stato bloccato dalle forze dell’ordine, nonostante si fosse dato alla fuga.

Da non perdere