Omicidio Meredith, la condanna a Amanda e Sollecito scuote gli Usa

Dopo la condanna per omicidio a 28 anni e 6 mesi per Amanda Knox e a 25 anni per Raffaele Sollecito, accusati per l’omicidio di Meredith Kercher, non si sono fatte attendere le reazioni dagli Usa a sostegno di Amanda, dopo la decisione della corte di Appello di Firenze. La Corte di Firenze ha inoltre stabilito il divieto di espatrio e il ritiro del passaporto per Raffaele Sollecito, respingendo invece la richiesta di misure cautelari per Amanda Knox dal momento che la giovane si trova negli Stati Uniti e non sussiste dunque il pericolo di fuga. Nè Amanda nè Raffaele andranno in carcere, in attesa di un nuovo ricorso in Cassazione. Per la Knox inoltre non è stata decisa nessuna misura cautelare, ma per lei è stata inasprita la condanna rispetto al primo grado con due anni e mezzo in più di carcere. Questo perchè i giudici hanno ritenuto aggravato il reato di calunnia commesso dalla Knox nei confronti di Patrik Lumumba, altro imputato per l’omicidio di Meredith. Raffaele Sollecito invece non doveva rispondere di calunnia e la pena decisa dai giudici di primo grado, cioè 25 anni di carcere, è stata confermata.

Da non perdere