OJ Simpson, il video della fuga

Il 17 giugno 1994 quasi 100 milioni di americani assistono in diretta tv alla fuga di OJ Simpson. Le indagini sul duplice assassinio dell’ex moglie e del suo amico convergono su di lui: la Procura sospetta che sia lui il killer, mosso dalla gelosia. I suoi avvocati decidono di tenere subito una conferenza stampa in cui svelano la depressione e la possibilità che possa suicidarsi, mentre la Polizia dirama il mandato ufficiale. Per lui l’accusa è di duplice omicidio. Mentre gli avvocati sono in tv, OJ Simpson ne approfitta per darsi alla fuga a bordo di una Ford Bronco bianca: con lui c’è l’amico ed ex compagno di squadra Al Cowlings. L’ex stella del football si lancia lungo l’Autostrada 405, verso la contea di Orange: scatta l’inseguimento lungo le corsie della superstrada di Los Angeles, il “Bronco Chase“, come lo chiameranno i media. Alle 19.45 OJ ferma l’auto, il suo amico scende ma lui rimane dentro, minacciando di uccidersi: un’ora dopo si arrende e si consegna alla Polizia.

Da non perdere