Napoli, scontri al corteo contro il premier Renzi

In oltre duemila si sono dati appuntamento a Napoli per una manifestazione di protesta contro il governo Renzi. Il premier si trovava in città per l’incontro sulla riqualificazione dell’ex area Italsider di Bagnoli. Non sono mancati momenti di tensione sul lungomare di Napoli tra le forze dell’ordine e manifestanti, circa un centinaio dei comitati di cittadini di Bagnoli, collettivi studenteschi e centri sociali. Sono stati sparati lacrimogeni e anche alcune bombe carta. La gran parte del corteo si è divisa e allontanata dal punto di scontro con i manifestanti che lanciavano pietre contro le forze dell’ordine, che hanno azionato gli idranti. I manifestanti hanno intonato cori contro l’esecutivo e in tanti hanno indossato maschere di pulcinella. Tra i cartelli: “Napoli città ribelle”, “No al Governo delle lobby e degli speculatori”, “Non c’è trippa per ratti, Renzi torna nelle fogne”. Da un palazzo laterale in piazza Dante, alcuni manifestanti hanno esposto uno striscione: “Renzi via da Napoli”.

Da non perdere