Lupi: 'Mi dimetto a 72 ore dai fatti'

Il ministro Lupi ha rassegnato le proprie dimissioni. Lo aveva annunciato durante la registrazione della nota trasmissione televisiva di Bruno Vespa, Porta a Porta. Nella mattina del 20 marzo 2015 ha parlato alla Camera, facendo presente alcuni concetti fondamentali sul suo operato. Lupi fin da subito aveva chiarito di non essere indagato ed è stato difeso dal Nuovo Centrodestra che ha parlato di linciaggio mediatico. Lupi non ha voluto difendersi dalle accuse o chiedere garantismo, ma ha detto di sentire il dovere di rispondere alla responsabilità dell’impegno che si è assunto, quando ha deciso di ricoprire il ruolo di ministro. Ha rivendicato la funzione decisiva della politica nella vita del nostro Paese e ha ripercorso le tappe alla guida del Ministero, prima con il Governo Letta e poi con Matteo Renzi.

Da non perdere