Libia, rientrate le salme di Failla e Piano

Finalmente la Libia ha concesso alle salme de i due tecnici della Bonatti uccisi lo scorso 2 marzo di rientrare in Italia. I corpi di Salvatore Failla e Fausto Piano sono rientrate in Italia con un C-130 dell’Aeronautica militare atterrato a mezzanotte e 40 minuti. Ad accoglierli all’aeroporto di Ciampino, oltre i familiari, anche il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni. E’ poi durato quasi mezz’ora il rito religioso che si è svolto sulla pista in un silenzio assoluto. Ora i corpi si trovano al policlinico Gemelli di Roma dove i medici dell’Istituto di Medicina legale eseguiranno a loro volta gli accertamenti autoptici dopo l’autopsia eseguita a Tripoli. Sia i familiari delle due vittime, sia i medici legali italiani si erano opposti all’esame autoptico in Libia e ora temono sia più difficile effettuare i rilievi necessari per ricostruire come sono morti.

Da non perdere