L'esplosione a New York vista dalle telecamere di sicurezza

L’ordigno esploso sabato sera nella zona di Chelsea ha provocato 29 feriti, uno dei quali si trova in gravi condizioni, facendo tornare la paura a New York: l’ordigno era nascosto in un cassonetto. E’ esploso a Manhattan nella serata di sabato, intorno alle 20.30 ora locale. Un secondo presunto ordigno è stato trovato nelle vicinanze, forse una pentola a pressione; individuato anche un terzo pacco sospetto. Una testimone ha raccontato: “Era come un vulcano”. Il sindaco De Blasio afferma che al momento non ci sono prove che si tratti di terrorismo, né che ci siano collegamenti con un’altra esplosione avvenuta nel New Jersey, nella mattina di sabato, per colpire – secondo gli inquirenti – una corsa di beneficenza della Marina. Sembrerebbe di chiara matrice terroristica invece il gesto di un uomo che nel Minnesota ha accoltellato 8 persone in un centro commerciale al grido di “Allah”.

Da non perdere