La Nuova Zelanda rivive la paura del terremoto

La scossa maggiore del terremoto che ha coinvolto la Nuova Zelanda è stata di potenza 7.8 ed è stata seguita da varie repliche – alcune superiori ai 6 gradi di magnitudo – e da onde tsunami di alcuni metri sulla costa orientale dell’Isola del Sud. La Nuova Zelanda rivive la paura del terremoto, dopo che nel febbraio 2011 un sisma di magnitudo 6.3 a Christchurch uccise 185 persone. Almeno due i morti in questo caso, ha fatto sapere il premier John Key, sottolineando che i soccorsi proseguono. I media hanno pubblicato fotografie dei danni, mostrando case e ponti danneggiati, mobili ribaltati, strade dall’asfalto crepato. Il sisma ha colpito alle 23.02 ora locale, le 12.02 italiane, del 3 novembre 2016, con ipocentro a 23 chilometri di profondità, secondo il servizio geologico statunitense Usgs.La Nuova Zelanda si trova sulla faglia che divide le placche tettoniche pacifica e oceanica e registra circa 14mila scosse sismiche ogni anno, di cui tra 100 e 150 hanno potenza sufficiente per essere percepite.

Da non perdere