Kenya: Silvia Romano è nella foresta, il cerchio si stringe intorno ai rapitori

A 10 giorni dal sequestro, Silvia Romano sarebbe ancora nella foresta a Nord di Malindi, ma i rapitori sarebbero circondati. Gli inquirenti kenyani escludono che possano avanzare ulteriormente verso la Somalia dove sembravano diretti inizialmente. Secondo fonti informate, alla volontaria italiana sarebbe stato fatto indossare un hijab che lascia scoperti solo gli occhi e la banda di sequestratori le metterebbe sulle mani e sul viso del fango per non renderla riconoscibile. Dopo una serie di annunci ottimistici nei giorni scorsi le autorità si sono chiuse nel massimo riserbo. L’area della foresta in cui si trova Silvia è nei pressi del fiume Tana che dovrebbe essere insuperabile per i rapitori. Ammesso che riescano a superarlo, viene spiegato, sarebbero poi costretti a una marcia a tappe forzate per decine di chilometri in una foresta ancor più fitta e poco sicura per la presenza di animali selvatici e di tribù che hanno preso nettamente le distanze dai sequestratori.

Video: ANSA

Da non perdere