Il pane raffermo riciclato

Più di 4 italiani su 10 mangiano il pane avanzato, una tendenza in crescita soprattutto per le famiglie costrette a contenere gli sprechi. E non si tratta soltanto di risparmio economico, ma anche di evitare che vadano consumate tante risorse naturali che stanno alla base della nostra alimentazione. Il pane raffermo si presta a moltissimi usi. Possiamo mangiarlo tostato a colazione e utilizzarlo al posto dei cereali anche nel latte. Molto buona è anche l’insalata di pane, che va bene sia a pranzo che a cena. Nel primo caso possiamo condire i crostini con olio, sale, limone e poi con pomodori, olive, lattuga e fagioli. A cena si possono unire i crostini di pane raffermo alle verdure, formando delle vere e proprie zuppe ricche di sostanze nutritive. Molto importante è anche il pangrattato, per addensare le salse e gli stufati.

Da non perdere