I figli vanno mantenuti finché non sono autonomi?

Una delle domande a cui gli avvocati si trovano a dover rispondere riguarda il mantenimento dei figli. Il quesito è spesso legato a cause di separazione e per la vulgata comune ha una sola risposta: finché i figli non sono autonomi e in grado di badare a loro stessi a livello economico, devono essere i genitori a mantenerli. In realtà non è detto. Una recente sentenza della prima Sezione della Corte di Cassazione ha stabilito che se i figli non lavorano perché non ne hanno voglia e non perché non lo trovano, per i genitori cade l’obbligo di mantenimento. A spiegarlo a NanoPress è Cristiano Cominotto, avvocato di AssistenzaLegalePremium.it. La sentenza nasce da un caso specifico riguardante una famiglia composta da padre e madre, separati, e due figli. La figlia maggiore si era laureata e aveva deciso di continuare il percorso di studi, mentre il figlio aveva interrotto gli studi e continuava a non lavorare. I giudici hanno stabilito che la figlia aveva terminato il suo percorso scolastico e, se voleva continuare a studiare, avrebbe comunque dovuto trovare un lavoro. Per il figlio invece hanno stabilito che non poteva stare a casa senza studiare e senza lavorare e quindi hanno deciso che cessasse l’obbligo di mantenimento a carico del padre. 

Da non perdere