Giovanni Falcone, uomo onesto e grande magistrato

Il 18 maggio 2015 Giovanni Falcone avrebbe compiuto 76 anni se non fosse stato ucciso il 23 maggio 1992. La sua forza e la sua determinazione erano per la mafia una spina nel fianco e l’unica soluzione possibile era quella di porre fine alla sua vita. E’ il giorno della strage di Capaci, il giorno in cui morì il magistrato Giovanni Falcone, insieme a sua moglie Francesca Morvillo e a tre agenti della scorta. Una vita spesa al servizio della giustizia e della legalità, per disgregare a colpi di inchieste Cosa nostra e la sua cupola. Inviso a tanti anche all’interno dello stesso sistema giudiziario, amato da molti ma per lo più a posteriori, Falcone, oltre che essere un ottimo magistrato, era un uomo onesto e determinato. Per lui la mafia non era “affatto invincibile”, ma era un fenomeno “terribilmente serio e molto grave”, possibile da sconfiggere solo con l’impegno di “tutte le forze migliori delle istituzioni”.

Da non perdere