Frodi alimentari: tonnellate di dolciumi scaduti rimessi in vendita

Tonnellate di alimenti dolciari scaduti o non conformi sono stati sequestrati dai carabinieri del NAS di Pescara e di altre province in Abruzzo, dopo diverse ispezioni che hanno portato anche alla sospensione di diverse imprese alimentari per gravi carenze igienico sanitarie. Sono stati inoltre sequestrati circa 4.000 chili di alimenti poiché privi di tracciabilità e il responsabile di una ditta è stato deferito all’Autorità Giudiziaria per frode nell’esercizio del commercio. Gli accertamenti sono stati estesi anche nei confronti di numerose confetterie della Val Peligna, dove i carabinieri del NAS hanno sottoposto a vincolo circa 3.000 chili tra confetti e materie prime utilizzate. Complessivamente sono state elevate sanzioni amministrative per 30.000 euro, sottoposti a sequestro circa 4 tonnellate di prodotti dolciari e sospesa l’attività a 5 strutture il cui valore immobiliare ammonta a circa 7.500.0000 euro.

Da non perdere