FMI: ‘Quota 100 irrealistica, Italia a rischio recessione’

Pubblicato da Redazione NanoPress Mercoledì 14 novembre 2018

Il Fondo Monetario Internazionale avverte l’Italia: il rapporto deficit/Pil sarà del 2,75% nel 2019, ma potrebbe addirittura salire al 2,8-2,9% negli anni successivi, a meno che la politica non trovi misure compensative. Timori anche per il debito pubblico che “resterà intorno al 130% nei prossimi 3 anni”. Il Fondo boccia senza se e senza ma condoni e flat tax e critica Quota 100: secondo i tecnici di Washington i cambiamenti previsti dalla riforma delle pensioni Quota 100 “aumenterebbero ulteriormente la spesa pensionistica, imporrebbero pesi ancora maggiori sulle generazioni più giovani, lascerebbero meno spazio per politiche per la crescita e porterebbero a minori tassi di occupazione tra i lavoratori più anziani”. I relatori cassano anche l’intenzione di Salvini e Di Maio di creare nuovi posti di lavoro grazie a Quota 100: “È improbabile che l’ondata di pensionamenti creerebbe altrettanti posti di lavoro per i giovani. E’ urgente razionalizzare i vari eccessi nel sistema”. I tecnici del fondo mettono in guardia l’Italia dal rischio di recessione derivante da un debito troppo alto e da politiche non all’altezza di invertire la rotta della nostra economia.