Fiumicello saluta Giulio Regeni con una fiaccolata

Fiumicello si è stretta intorno alla famiglia di Giulio Regeni chiedendo che sia fatta giustizia per il loro compaesano torturato e ucciso in Egitto. Alla fiaccolata che si è tenuta per le vie della piccola località  in provincia di Udine, hanno partecipato non solo amici e parenti, ma tutta l’intera comunità intera. “Ce ne fossero di ragazzi così, è morto per i suoi valori. Chiedo giustizia per lui e per quelli come lui”. Il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni ha sostenuto che l’Italia ”pretende la verità” e non accetterà versioni di comodo sulla morte del ragazzo, avvenuta in circostanze violente non ancora chiarite ”non ci sono ragioni di realpolitik che tengano: i responsabili del delitto devono essere puniti”, ha detto ancora il ministro.

Da non perdere