Come si lavora nel primo bunker antiebola italiano

Intervista a Giuliano Rizzardini, primario del dipartimento di malattie infettive dell’ospedale Sacco di Milano, il primo ad aver messo a disposizione un’area per eventuali pazienti infetti. Le esercitazioni sono costanti e si preparano ad accogliere eventuali pazienti colpiti dall’Ebola.

Da non perdere