CISL: Quota 100 favorisce uomini e dipendenti pubblici

Pubblicato da Redazione NanoPress Venerdì 30 novembre 2018

L’anticipo pensionistico Quota 100, cavallo di battaglia del governo Conte, è una misura che favorisce i cosiddetti “lavoratori forti”, ovvero chi per molti anni ha lavorato nello stesso luogo senza interruzioni. Il perfetto identikit che corrisponde a questo profilo è quello di un uomo che ha lavorato nel settore pubblico. Le donne infatti, se madri, hanno per forza di cose abbandonato il lavoro anche solo per il periodo della maternità. Come è noto, i contributi figurativi con Quota 100 non sono conteggiati ai fini del traguardo di 38 anni di contributi versati. Per questo motivo è sorta l’ipotesi di un possibile riscatto dei contributi tramite il versamento di una somma da definire.