Cina, Dolce & Gabbana nella bufera per spot accusato di sessismo

Pubblicato da Redazione NanoPress Giovedì 22 novembre 2018

Dolce & Gabbana fa arrabbiare i cinesi con degli spot accusati di sessismo e razzismo. Nei video si vede una modella cinese intenta a mangiare con le bacchette alcuni piatti tipici della tradizione italiana, gli spaghetti al pomodoro, una pizza e un cannolo. In sottofondo una voce spiega alla ragazza come deve comportarsi, fra battute e allusioni. La peggiore è quella sul cannolo: “E’ troppo grosso per te?”
I tre video, realizzati per promuovere un grande evento di moda, hanno subito innescato le proteste degli internauti cinesi, ma anche di attori, giornalisti e personalità pubbliche.E non finisce qui: l’account Instagram @DietPrada, piuttosto conosciuto nel settore della moda, ha pubblicato alcuni screenshot di una chat fra una collaboratrice di DietPrada e Stefano Gabbana in cui lo stilista critica i suoi manager cinesi per avere cancellato i video dai social network e in cui aggiunge che “la Cina è un paese di merda” oltre che “ignorante, sporco e puzzolente”.
Risultato: cancellato “The Great Show”, la mega sfilata che avrebbe dovuto animare l’Expo Centre di Pudong (Shanghai) e prodotti Dolce & Gabbana rimossi da numerosi siti di ecommerce cinesi.
Lo stilista è a questo punto corso ai ripari dichiarando che il suo profilo social è stato hackerato, per poi aggiungere: “Amo la Cina e la cultura cinese […] Mi dispiace tanto per quello che è successo”.
Basterà a far rientrare la polemica?
Dolce & Gabbana ha 25 punti vendita in Cina. Il mercato del lusso cinese vale 72 miliardi di dollari, un terzo del valore dell’intero mercato della moda mondiale.

(Foto Ansa e Instagram)