Arrestata infermiera accusata di 13 omicidi

Una infermiera professionale che lavorava presso l’Unità di Anestesia e Rianimazione dell’Ospedale civile di Piombino, è accusata di omicidio volontario continuato, e per lei sono scattate le manette. I fatti risalirebbero agli anni 2014 e 2015. La donna avrebbe provocato la morte di 13 pazienti, tutti ricoverati, a vario titolo e per diverse patologie, presso l’Ospedale civile di Piombino. Le vittime erano in prevalenza persone anziane, non solo malati terminali. E tutte le morti, secondo l’accusa, sarebbero state provocate da un’iniezione di un farmaco particolare definito “fuori terapia”. L’infermiera è stata arrestata nella tarda serata di mercoledì 30 marzo con l’accusa di omicidio aggravato plurimo e continuato.

Da non perdere