Zungle: gli occhiali da sole per ascoltare musica tramite le ossa

Trasmettono il segnale audio bypassando l'orecchio, direttamente al nervo acustico

Pubblicato da Diego Barbera Lunedì 29 agosto 2016

Ascoltare la musica può essere scomodo per via degli auricolari che cadono spesso e volentieri oppure ci si può affidare alle cuffie voluminose e di tendenza, ma non piacciono a tutti. Motivo per il quale c’è una soluzione tanto geniale quanto di qualità come l’induzione ossea. A tutti gli effetti sembrano normali occhiali da sole questi Zungle, ma nelle stanghette vi si nasconde il segreto con il sistema a vibrazione che trasmette il suono come onda direttamente alle ossa della scatola cranica e dì ai nervi, bypassando l’orecchio. Questo progetto sta raccogliendo un grandissimo consenso sulle campagne di crowdfunding Kicktarter e Indiegogo: pesano solamente 45 grammi e si rendono a disposizione nelle colorazioni nero, rosa, verde lime, grigio e bianco, supportano la tecnologia Bluetooth e hanno una porta USB. Costeranno circa 100 euro con l’uscita prevista in autunno-inverno.

C’è un altro pregio da considerare per l’induzione ossea: la totale discrezione visto che solo chi avrà appoggiate le stanghette alla testa potrà ascoltare, andando anche a evitare tutti quei danni da musica alta che affliggono gli utenti.

Zungle