Violenza negli stadi: i casi più famosi

Violenza negli stadi: i casi più famosi

La storia del calcio è costellata da casi eclatanti di violenza sugli spalti e tra le presunte tifoserie, che spesso e volentieri non sono altro che una scusa per sgorgare violenza senza confini

2 di 9

2 di 9

LE CAUSE DELLE VIOLENZE

La violenza negli stadi ha diverse gradazioni di gravità e può oscillare da semplici tafferugli, quasi innocenti conditi da sfottò tra tifoserie appassionate a vere e proprie risse ed incidenti che coinvolgono le forze dell’ordine e sono accompagnati da caos, distruzione e un bollettino da guerriglia. Talvolta è sufficiente lanciare una provocazione, un diverbio acceso e si sprofonda nella pericolosa spirale di violenza da cui è impossibile poi uscire; alcuni studi di sociologia hanno dimostrato come la rabbia dei gruppi ultrà organizzati è proporzionale alla massiccia presenza di polizia in assetto anti-sommossa, pronta a sedare le intemperanze sul nascere. Tutti sono consapevoli come sia elementare accendere la miccia della violenza e far sfociare una gara di calcio in una guerra civile inattesa e spesso i motivi alla base di questi episodi disdicevoli esulano ampiamente dal tema sportivo.

2 di 9

Pagina iniziale

2 di 9

Parole di Diego Barbera

Diego Barbera è stato un redattore interno di Nanopress fino al 2018. Si è occupato di tecnologia, sport, cronaca.

Da non perdere

© 2005-2021 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Nanopress, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.