isis roma

Terrorismo in Italia: tutte le minacce dell'Isis

L'ultima in un video creato con un film finanziato da Gheddafi

1 di 6

1 di 6

L’Italia è uno degli obiettivi dell’Isis. La minaccia del terrorismo di matrice islamica non si è mai allontanata dal nostro Paese, per diversi motivi. Siamo una delle potenze che fanno parte della coalizione anti Daesh, uno degli Stati più impegnati su diversi fronti (anche militarmente) nelle zone calde del Medio Oriente, terra di approdo dei profughi che scappano dall’Isis e porta dell’Europa sul Mar Mediterraneo. Siamo anche un simbolo: Roma e il Vaticano sono luoghi carichi di significato per l’Occidente e per tutta la cristianità. Per questo, la Città Eterna è spesso al centro delle minacce dei jihadisti. L’immagine della bandiera nera che sventola in piazza San Pietro ha fatto il giro del mondo e ha avuto un enorme impatto mediatico. I miliziani dell’auto proclamato califfo Abu Bakr al-Baghdadi usano molto il web per la loro propaganda. Lo dimostra anche l’ultimo video di minaccia rivolto all’Occidente, e in particolare all’Italia, che circola in rete. L’Isis ha costruito il messaggio usando una scena del film “Leone del deserto”, pellicola del 1981 con Anthony Quinn nella parte di Omar al-Mukhtar, condottiero libico che si oppose alle truppe italiane negli anni Venti: mentre scorrono le immagini, una voce fuori campo avvisa che “lo Stato islamico continuerà a espandersi finché la sua bandiera non sventolerà su Costantinopoli e Roma“. Il film, bloccato dalla censura italiana perché lesivo dell’onore dell’esercito italiano, fu finanziato da Muammar Gheddafi, che a suo tempo scacciò gli jihadisti dalla Libia, lanciando un avvertimento alle potenze occidentali. “Ci sarà una jihad di fronte a voi, nel Mediterraneo“, disse al Corriere della Sera nel marzo 2011. Parole che oggi sembrano davvero profetiche.

magazine dabiq isis roma

SCORRI LE PAGINE PER LEGGERE TUTTE LE MINACCE DELL’ISIS

1 di 6

Pagina iniziale

1 di 6

Parole di Gianluca Rini

Gianluca Rini è stato collaboratore di Nanopress, Tanta Salute e Pourfemme dal 2014 al 2017, occupandosi principalmente di tematiche relative alla salute, l'ambiente, il benessere.

Da non perdere

© 2005-2021 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Nanopress, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.