Nepal

Terremoto Nepal, la terra trema ancora: nuova scossa di 7.4 a Kathmandu

La terra continua a tremare in Nepal, già in ginocchio dopo il terribile sisma del 25 aprile: una nuova scossa da 7.4 della scala Richter è stata registrata nel paese, avvertita fino in India.

2 di 13

2 di 13

nepal
Aumenta il tragico bilancio delle vittime del terremoto in Nepal. Gli ultimi numeri dichiarati parlano di 7.240 morti e 14.122 feriti, con oltre un milione senza casa. Si continua a scavare tra le macerie della capitale, Katmandu, e nelle zone circostanti. Un uomo è stato tratto in salvo dopo 82 ore trascorse sotto le macerie, costretto a bere la sua urina. Tre persone, di cui una di oltre cento anni, sono state estratte vive tra le macerie di un edificio nel distretto di Sindhupalchowk, 8 giorni dopo il devastante terremoto che ha colpito il Nepal. Lo riferisce il centro nazionale per le operazione di emergenza. Il portavoce del ministero dell’Interno aveva assicurato a Efe che esistevano “scarse possibilità di trovare qualcuno vivo” sotto le macerie, aggiungendo tuttavia che questo non avrebbe impedito alle squadre di salvataggio di proseguire le ricerche. Questo nuovo miracolo si unisce ad altri ritrovamenti avvenuti negli ultimi giorni. Sotto le macerie era stata trovata una 24enne, estratta viva dai resti di un edificio di Katmandu la sera di giovedì dalle squadre di Nepal, Israele e Norvegia dopo 128 ore passate intrappolata. Sempre giovedì un 15enne, Pemba Lama, era stato salvato dopo 120 ore sotto le macerie di un edificio di sette piani nella zona di Gongabu. Intanto il rappresentante delle Nazioni Unite, Jamie McGoldrick, ha segnalato difficoltà e ritardi alla dogana che stanno ostacolando le operazioni umanitarie. Scopri qui come aiutare le popolazioni del Nepal.

2 di 13

Pagina iniziale

2 di 13

Parole di Redazione

Da non perdere

© 2005-2021 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Nanopress, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.