Tasi 2014: calcolo, aliquote e scadenze finalmente online

Tasi 2014: calcolo, aliquote e scadenze finalmente online

Arriva una nuova scadenza per la Tasi 2014. Entro il 16 ottobre deve essere pagata la prima rata nei Comuni che hanno deliberato tra la fine di maggio e il 10 settembre.

2 di 7

2 di 7

Anche gli inquilini pagano

inquilini tasi
Anche gli inquilini pagheranno la Tasi 2014, con quote e percentuali diverse a seconda del Comune di residenza. I primi conti arrivano dopo la pubblicazione delle ultime aliquote decise dai Comuni il 10 settembre: per i ritardatari l’ultima scadenza è il 16 dicembre, quando si dovrà pagare tutto in un’unica rata. La vera novità è il versamento dell’imposta anche da parte degli inquilini in affitto: la Tasi non è una tassa sulla proprietà degli immobili ma sui servizi indivisibili erogati dal Comune di cui, secondo l’attuale quadro legislativo, la spesa va divisa tra proprietari e affittuari. Una prima indagine, pubblicata dal Corriere su dati di Confedilizia, mostra come nei capoluoghi di provincia un inquilino su quattro dovrà versare la sua parte, con situazioni diverse da città a città.

La legge attuale prevede che i Comuni possano far pagare agli inquilini tra il 10 e il 30% della Tasi, con un tetto stabilito per gli immobili che già pagano l’Imu, come sono le case date in affitto: la somma tra le due imposte non deve superare l’aliquota massima dell’Imu. Per questo si può decidere di applicare un’addizionale di 0,8 millesimi ma solo a fronte di detrazioni per la prima casa.

Secondo lo studio di Confedilizia, su 90 amministrazioni che hanno deliberato, 53 hanno deciso per la quota minima del 10% a carico dell’inquilino, 26 quella massima del 30% e altrettanti per quote intermedie.Visto che Milano e Roma hanno già emesso l’aliquota massima prevista per l’Imu, nelle due città i valori della Tasi a carico degli inquilini è più basso rispetto a Varese, città dove invece gli affittuari pagheranno di più. Nella città lombarda l’aliquota per gli immobili diversi dall’abitazione principale è stata fissata a 0,25% e la quota a carico degli inquilini è fissata al massimo previsto, il che porta a un pagamento di 89,56 euro da parte degli affittuari sui 388 euro del totale Tasi.

2 di 7

Pagina iniziale

2 di 7

Parole di Mario Bello

Da non perdere

© 2005-2020 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Nanopress, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.