scoiattolo

Specie invasive, Ue propone lista nera

L'Unione Europea è pronta a stilare una lista nera di specie aliene invasive, ovvero animali e piante che danneggiano l'ecosistema del Vecchio Cotninente dopo la loro sciagurata introduzione nei territori

1 di 5

1 di 5

scoiattolo

L’Unone Europea ha deciso di dichiarare guerra alle specie animali invasive. Meglio tardi che mai, potrebbe aggiungere maliziosamente qualcuno, visto che in Italia i rischi per l’ecosistema erano stati evidenziati già da diversi anni. Ad ogni modo l’Ue, per salvaguardare le biodiversità presenti in tutto il Vecchio Continente, propone una lista nera di specie aggressive, animali e piante da considerarsi ‘indesiderati’, ed un sistema di regole a tutela dell’ecosistema che dovrebbe entrare in vigore il primo giorno del nuovo anno.

Secondo il ministro dell’Ambiente italiano Gian Luca Galletti, questa norma approvata dalla Ue rappresenta una ‘tappa importante nell’affermare il valore della biodiversità in Europa, che costituisce un fattore chiave per lo sviluppo della nostra economia‘. Anche il commissario europeo Janez Potocnik, che considera un successo questa approvazione in sede comunitaria, sottolinea come la normativa ‘colmi un vuoto riconosciuto da tempo nella tutela della biodiversità dell’Unione Europea, ed è attentamente mirata, in particolare sulle specie invasive che costituiscono le minacce più serie‘. Dopo l’approvazione verrà discussa e stilata la cosiddetta lista nera, e ai Paesi europei toccheranno ingenti investimenti per ‘disinfestare’ gli ecositemi nazionali dalle specie aliene indicate. Pensando all’Italia, non sono affato pochi gli animali o le piante che stanno creando problemi al nostro ecosistema, danneggiando le biodiversità caratteristiche della nostra penisola.

1 di 5

Pagina iniziale

1 di 5

Parole di Giulio Ragni

Da non perdere

© 2005-2020 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Nanopress, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.