Scontrino da 150mila euro per il magnate americano in vacanza al Billionaire

Scontrino da 150mila euro per il magnate americano in vacanza al Billionaire

Carrellata di 'scontrini della vergogna', ossia scontrini pazzi con voci strane e prezzi assurdi per spillare sempre più soldi ai clienti.

1 di 13

1 di 13

Scontrini

Un magnate americano in vacanza al Billionaire di Flavio Briatore a Porto Cervo, in Sardegna ha speso la cifra di 150mila euro per una notte di festeggiamenti a base di champagne. Pare che il miliardario abbia ordinato una bottiglia “Mathusalem” di Cristal da sei litri dal prezzo di 30mila euro e altre 50 bottiglie di Dom Perignon. A godere delle care bollicine non sono stati solo gli ospiti del miliardario ma anche agli altri clienti del locale. Certo, in questo caso l’americano sapeva bene che lo scontrino sarebbe stato molto salato, non come capita a tanti turisti che spesso vengono spennati dai commercianti nei locali di villeggiatura.

Scontrini della vergogna, prezzi pazzi in giro per il mondo

E’ vero che di scontrini della vergogna, scontrini pazzi, insomma di scontrini con prezzi assurdi e esorbitanti, o con voci strane elencate per spillare soldi ai clienti (quasi sempre turisti), se ne sentono sempre di più in giro, complice soprattutto la diffusione di smartphone e il grande utilizzo degli amati/odiati social network, che permettono di condividere in tempo reale le proprie esperienze. Ed ecco che le pagine di cronaca si riempiono di casi di questo tipo, con turisti/clienti/celebrità che indignati denunciano all’opinione pubblica di essere stati ”spennati”. Ecco di seguito i casi più eclatanti degli ultimi tempi.

1 di 13

Pagina iniziale

1 di 13

Parole di Kati Irrente

Giornalista per vocazione, scrivo per il web dal 2008. Mi occupo di cronaca italiana ed estera, politica e costume. Naturopata appassionata del vivere green e della buona cucina, divido il tempo libero tra musica, cinema e fumetti d'autore.

Da non perdere

© 2005-2020 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Nanopress, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.