Tutte le cause di Ictus ischemico e emorragico

Le cause dell'ictus ischemico o emorragico possono essere diverse, così come i fattori di rischio: vediamoli in questo elenco

Pubblicato da Kati Irrente Mercoledì 4 luglio 2018

Cervellopixabay / foto

Quali sono le cause di ictus, o colpo apoplettico? L’ictus è una patologia che interessa il cervello e si manifesta quando il tessuto cerebrale non è ben irrorato di sangue. Ciò può avvenire per un’embolia o una trombosi, e allora parliamo di ictus ischemico, oppure per una emorragia, e allora ci riferiamo all’ictus emorragico, che a sua volta si divide in due tipi, a seconda di dove si manifesta, ossia di ictus emorragico intracerebrale o ictus emorragico subaracnoideo. Dei tre tipi di ictus elencati, in genere quello emorragico è fatale in una maggiore percentuale rispetto agli altri due. Esiste poi una forma di ictus dagli effetti non permanenti, che è conosciuto come attacco ischemico transitorio (TIA). Cosa provoca l’ictus? Vediamo di seguito le principali cause di ictus ischemico e emorragico.

Ictus ischemico – cause

Occlusione di un vaso sanguigno

vene circolazionepixabay / foto

Quando una delle arterie che portano sangue al cervello si intasa o si occlude per via di un restringimento si parla di ictus ischemico (ischemia cerebrale). La causa di un ictus ischemico dovuto a trombosi è la formazione di un coagulo di sangue aderente al vaso arterioso provocato dall’accumulo di piastrine e colesterolo (placca aterosclerotica). La lesione del vaso in questione può essere favorita dall’ipertensione.



Coagulo di sangue in circolo

sanguepixabay / foto

A causare l’ictus ischemico può essere un embolo. L’embolo è un coagulo di sangue ‘mobile’, non ancorato che in genere si origina nel cuore e che poi va in circolo andando a finire nel cervello. Il problema è dato proprio dal fatto che va in giro nel sistema vasale e, entrando in un vaso più piccolo delle sue dimensioni può incastrarsi limitando il flusso sanguigno.

Pillola anticoncezionale

pillole anticoncezionali
L’utilizzo della pillola anticoncezionale e l’ormonoterapia a base di estrogeni può provocare ictus, embolia polmonare, infarto.

Aritmia cardiaca

aritmia cardiacapixabay / foto
Le persone con predisposizione ad aritmie cardiache possono essere più facilmente colpiti da ictus.

Diabete mellito

diabetepixabay / foto
Tra i fattori di rischio dell’ictus gli esperti mettono anche il diabete mellito e altre patologie metaboliche.

Ipertensione e malattie cardiovascolari

ipertensionepixabay / foto
L’ipertensione è uno dei principali fattori di rischio dell’ictus.

Dislipidemie da alimentazione sbagliata

barbecuepixabay / foto
Chi ha alterazioni della quantità di lipidi circolanti nel sangue, in particolare del colesterolo, dei trigliceridi e dei fosfolipidi ha più possibilità di sviluppare un attacco apoplettico. Altri fattori di rischio sono l’obesità, il sovrappeso e l’inattività fisica.


Aterosclerosi

cervello ictuspixabay / foto
In presenza di aterosclerosi vasale aumenta la possibilità di ictus cerebrale.

Ictus emorragico -cause

Rottura di un vaso sanguigno

ICTUS infograficapixabay / foto
L’ictus cerebrale emorragico si manifesta quando un vaso che porta sangue al cervello si rompe o, per una lesione, subisce una perdita di sangue, dando luogo alla cosiddetta emorragia cerebrale. In relazione al luogo dove avviene l’emorragia parleremo di ictus emorragico intracerebrale (rottura del vaso sanguigno nell’encefalo) ed ictus emorragico subaracnoideo (rottura del vaso sanguigno nell’encefalo sulla superficie cerebrale). Vediamo di seguito le cause principali di emorragia cerebrale.

Ipertensione cronica e malattie cardiovascolari

ipertensionepixabay / foto
L’Ipertensione cronica può provocare la rottura di vasi sanguigni e quindi ictus emorragico (i livelli patologici superano i 120/80 millimetro di mercurio, mmHg).

Trauma cerebrale

Cervellopixabay / foto
La cause principale dell’ictus emorragico è il trauma cerebrale.

Aneurisma

venepixabay / foto
Un’altra delle cause dell’ictus può essere una malformazione delle arterie o delle vene congenita o una alterazione ovvero una dilatazione localizzata di un’arteria con conseguente rottura del vaso.

Altri fattori di rischio dell’Ictus

Altri fattori di rischio dell’Ictus sono l’ereditarietà, precedenti attacchi di cuore o TIA, episodi di preeclampsia, l’abuso di alcol e droghe (cocaina e metamfetamine).